Autore:
Federico Maffioli

TUTTO NUOVO La stagione MotoGP arriva alla sua penultima gara 2016 e, con il GP Malese, chiude la lunga trasferta dedicata ad Asia ed Oceania, in vista del classico gran finale a Valencia in terra spagnola. Qui a Sepang si corre da anni, ma le novità di questo tracciato rispetto all’Anno scorso sono parecchie. Questa è una pista destrorsa, nel senso che delle sue quindici curve ben dieci sono a destra e solo cinque a sinistra, è la più lunga di tutto il Mondiale ed è caratterizzato da due rettilinei in sequenza, di cui il più  lungo è di 920 metri. Il cambiamento più evidente è il nuovo asfalto, completamente rifatto a Febbraio, adesso più drenante e meno scivoloso in caso di pioggia, ma di contro molto più abrasivo, aspetto che inciderà parecchio sul consumo delle gomme e che metterà a dura prova le Michelin. Anche la sua tonalità è diversa e adesso più scura, quindi più caldo sotto il sole che scalderà di più l’asfalto, alzando il gradiente e rendendolo più scivoloso in caso di alte temperature. Tutto questo unito al fatto che sono cambiate anche alcune parti del circuito, come l’ultima svolta a sinistra, un tornantone e gomito che unisce i due rettilinei, che adesso è completamente in contropendenza, e gli angoli di inclinazione di alcune curve sono stati modificati, quindi, oltre ad dover trovare un assetto diverso dall’anno scorso, per tutti i piloti ci saranno da capire le nuove traiettorie.

ESAME DIFFICILE Il nuovo asfalto di Sepang è uno dei fattori che complicano il compito di Michelin, che non ha più i riferimenti dei test fatti qui ad inizio Anno. La Casa francese, però, ha fatto delle prove qui a metà Campionato e non porterà coperture inedite e specifiche per questo tracciato. Di contro, sicuramente, ci sarà ormai come al solito l’incognita meteo, oltre ad un elevato tasso di umidità e alle temperature che potrebbero raggiungere gradienti molto elevati. L’esame più difficile? La staccata in fondo al primo rettilineo e le curve veloci in cui la gomma posteriore è molto sollecitata.

PIETRA DELLO SCANDALO L’Anno scorso qui Valentino Rossi, dopo uno scontro in pista con Marc Marquez ormai passato alla storia, fu sanzionato con l’ultima casella in griglia di partenza in quello che poi sarebbe stato l’ultimo e decisivo GP di Valensia, gara che consegnò il Titolo 2015 a Jorge Lorenzo. A distanza di circa dodici mesi si torna così quindi sul “luogo del delitto”, speriamo che vinca la sportività e che la pratica sia stata archiviata da entrambi. Facendo i conti Marquez è già Campione 2016, ma Rossi è ancora in corsa per la seconda posizione in classifica. In conferenza stampa si sono stretti la mano e l’atmosfera sembra tranquilla. Dobbiamo crederci?

PISTA PREFERITA Per Valentino Rossi quella di Kuala Lumpur è uno degli appuntamenti preferiti, il circuito sul quale per ben sei volte in carriera si è laureato Campione del Mondo. Ma Rossi non è l’unico ad amare particolarmente Sepang perché in griglia ci sarà anche Andrea Dovizioso, anche lui particolarmente amante di questo tracciato malese. Il numero quattro in sella alla Ducati ufficiale arriva dopo una buona gara in Australia e pronto a provare a conquistare quel gradino del podio che ha già dimostrato di meritare ampiamente.  Stesso discorso anche per Jorge Lorenzo, che si è sempre trovato molto bene qui a Sepang. Il maiorchino arriva qui dopo la pessima prestazione australiana e, a differenza di Rossi, non solo dovrà provare a lottare per il secondo posto in Campionato, ma difendersi anche da Maverick Vinales quarto con soli undici punti di ritardo.

TORNA IN PISTA Andrea Iannone, dopo l’incidente di Misano che lo ha costretto ad un lungo stop, torna finalmente in pista. Le sue condizioni fisiche non sono al cento per cento, ma su questo tracciato il fattore fisico è particolarmente stressato sia a livello di configurazione sia a livello di temperature ed umidità dell’aria. Il pilota di Vasto vorrà comunque dimostrare di essere li davanti, per chiudere questa stagione nella top ten, oppure anche solo per regalare un’altra emozione proprio alla sua nuova fidanzata Belen che, sicuramente, lo guarderà da casa!

NIENTE HAYDEN Dani Pedrosa salterà la gara malese, ancora fuori dai giochi a causa della frattura della clavicola. Al suo posto, però, non ci sarà l’americano Nicky Hayden, impegnato questo fine settimana con l’ultima gara del Campionato SBK in Qatar. Sarà invece il collaudatore Honda Hiroshi Aoyama a salire in sella sulla moto numero 26.

ORARI IN TV DEL GP A SEPANG Il diciassettesimo appuntamento del Motomondiale verrà trasmesso in diretta Sky sul canale 208 Sky Sport MotoGP e in differita sul Canale TV8 del digitale terrestre. Questa la programmazione completa:

SKY SPORT Canale 208 MotoGP

VENERDI 28 OTTOBRE  
03:00 prove libere 1 Moto3
03:55 prove libere 1 MotoGP
04:55 prove libere 1 Moto2
07:10 prove libere 2 Moto3
08:05 prove libere 2 MotoGP
09:05 prove libere 2 Moto2

SABATO 29 OTTOBRE  

03:00 prove libere 3 Moto3
03:55 prove libere 3 MotoGP
04:55 prove libere 3 Moto2
06:35 qualifiche Moto3
07:30 prove libere 4 MotoGP
08:10 qualifiche Q1 e Q2 MotoGP
09:05 qualifiche Moto2

11:30 conferenza stampa piloti in Pole

DOMENICA 30 OTTOBRE  
02:40 warm up Moto3
02:10 warm Up Moto2
02:40 warm Up MotoGP
05:00 gara Moto3
06:20 gara Moto2
08:00 gara MotoGP

 

CANALE TV8 Digitale Terrestre


SABATO 29 OTTOBRE  
09:35 qualifiche in sintesi Moto3, Moto2 e MotoGP

DOMENICA 30 OTTOBRE   

09:00 gara Moto3
10:20 gara Moto2
12:00 gara MotoGP 


TAGS: motogp 2016 motogp malesia 2016 orari tv motogp sepang 2016 orari tv programmazione sky sepang 2016 programmazione tv8 sepang 2016 orari della motogp in tv 2016 orari malesia orari sepang