Autore:
Valerio Colombo

SEI TEAM IMPEGNATI Nella mattinata di oggi si sono ufficialmente conclusi i test di Aragon, che hanno visto impegnati per tre giorni i piloti Ducati (il team ufficiale e l'Alma Pramac Racing), Yamaha (Solo il team Movistar di Valentino Rossi e Maverick Vinales), KTM e Suzuki. Al MotorLand di Alcañiz non sono stati tre giorni tranquilli, con asfalto sporco e, per di più, bagnato dalla pioggia caduta nella notte tra martedì e mercoledì. Continuando a girare però i centauri hanno rodato la pista e potuto portare a termine il proprio lavoro.

NESSUN TEMPO Non sono stati registrati tempi ufficiali nel corso di questa sessione privata e i riferimenti cronometrici sono tutti materiale esclusivo dei team. Dalla Yamaha trapela comunqe moderato ottimismo, con Valentino e Maverick che hanno messo insieme un buon numero di giri in vista del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, che andrà in scena domenica 9 settembre sul tracciato Marco Simoncelli di Misano Adriatico. Non sembra comunque che sula M1 siano state provate novità elettroniche, mentre la più grande sorpresa è stata vedere in autodromo il tedesco Jonas Folger, che potrebbe essere collaudatore la prossima stagione e che mancava da tempo sotto i riflettori, ritiratosi a inizio anno per le sue condizioni di salute.

TITOLARI E TESTER IN PISTA Per la Ducati hanno girato Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo, Jack Miller e Danilo Petrucci, i quattro piloti titolari dei due team impegnati ad Aragon. Massimo riserbo invece sulle "importanti novità" - come annunciato da Borgo Panigale - che vedremo sulla moto rossa. L'unico a parlare è stato il team manager Pramac, Francesco Guidotti, che si è detto molto soddisfatto dei test, rivelando di aver ottenuto ottimi tempi. In pista per la Suzuki oltre ai due piloti titolari Andrea Iannone e Alex Rins, anche il francese Sylvain Guintoli, mentre per la KTM hanno girato i tester Bradley Smith e Randy De Puniet e i due piloti della classe Moto 2 (con la loro moto), Miguel Oliveira e Brad Binder. Il prossimo appuntamento in pista è per le prime prove libere a Misano il prossimo 7 settembre.

 


TAGS: yamaha suzuki ducati ktm rossi jonas folger motogp 2018 vinales AragonTest Petrucci Pramac Racing