Prova su strada
Nuova Benelli TRK 502 X: prova, prezzo, dotazioni

Nuova Benelli TRK 502 X:
prova, prezzo, dotazioni

Benelli: la Nuova TRK502X si veste da Adventure Bike e strizza l'occhio alla guida in fuoristrada. Prova su strada, caratteristiche, prezzi

1 20 0
Autore:
Alberto Raverdino

DETTO FATTO Circa un anno fa Benelli ci concedeva la prova della TRK502 nella versione con cerchi in lega da 17”, ma già allora comunicava che presto avrebbero realizzato anche un’alternativa con ruota anteriore a raggi da 19” ed un’attitudine più spiccata ad affrontare strade bianche e fuoristrada leggero. Ed eccoci qua… pronti a rimettere le mani su questa creatura che ora mostra ben stampigliata sul serbatoio la lettera X e che a mio gusto personale sembra essere anche più seducente ed azzeccata.

GEMELLI DIVERSI Ben inteso che la 502 in versione X non sostituisce la TRK502 normale, ma semplicemente la affianca; ad un primo sguardo questa nuova 502 sembra pressoché identica alla “non X”, eppure le differenze ci sono. Certo… la maggioranza degli elementi che compongono il puzzle sono in comune, come il cruscotto, il plexiglass, la comoda presa usb e i vari telaietti laterali sono i medesimi. Insomma la linea generale della moto è quella, non c’è dubbio. Ma allora?

L’X FACTOR Le differenze riguardano la ciclistica e sono di sostanza. Come anticipato più sopra, ora fonda le proprie basi su una ruota anteriore a raggi dal maggiore diametro, proprio come si confà ad una Adventure Bike di tutto rispetto. Con la ruota da 19” Benelli sceglie di offrire maggiore agilità su eventuali ostacoli e consente anche il montaggio di pneumatici più tassellati e specifici per l’off-road (non di primo equipaggiamento), aprendo gli orizzonti ai futuri possessori della TRK502X verso la possibilità concreta di affrontare percorsi più tecnici ed avventurosi con maggiore sicurezza e soddisfazione.

I PARTICOLARI CHE CONTANO In direzione “off” ci sono altre importanti differenze. In primo luogo la taratura delle sospensioni più soffice, anche se va rilevato che l’escursione dichiarata della forcella (145mm) sembra un po’ limitata per affrontare certi “affari sporchi”. In più ben venga la maggiore altezza dal suolo a tutto vantaggio della possibilità di superare indenni eventuali ostacoli senza il rischio di toccare la “pancia” della moto. Anche l’altezza della sella è stata incrementata rispetto alla 502 standard ora si parla di 850mm e, non meno importante, anche per il valore estetico, l’inedito terminale di scarico ora rialzato in perfetto stile off-road.

IL MOTORE E’ SEMPRE LUI Nessuna modifica per il bicilindrico frontemarcia a quattro valvole per cilindro che con i suoi 500cc riesce ad erogare 47cv a 8.500giri ed una coppia di 46Nm a 6.000giri. Non è un mostro di potenza, ma almeno consuma pochissimo (24km/Litro nel ciclo extraurbano) e grazie al super serbatoio da 20 litri promette viaggi infiniti no-stop.

ASSETTO AD HOC Per reparto sospensioni il mono posteriore consente la regolazione del precarico della molla, e dei freni idraulici in compressione e in estensione, una novità rispetto alla TRK502 “non X” mentre la forcella ha sempre steli rovesciati da 50mm e non offre nessuna regolazione. Il doppio disco anteriore da 320mm in questo caso viene “morso” da due pinze flottanti e non ad attacco radiale come per la sorella standard. Nessuna novità per il telaio che rimane un robustissimo traliccio in tubi di acciaio, così come il forcellone.

TANTO A POCO La filosofia orientale che sta accompagnando il rilancio di questo glorioso marchio, non cambia; ricordiamo che Benelli è di proprietà del colosso cinese Qianjiang e che senza di esso sarebbe probabilmente morta e sepolta. Come per la sorella più stradale, l’idea è offrire una moto robusta, completa in tutto e per tutto, ad un prezzo molto invitante. Certo… rimane la sensazione di un oggetto migliorabile nelle finiture, le saldature a volte un po’ troppo “industriali” e ci sono tanti piccoli particolari che fanno un po’ disordine, ma tant’è…

COLORI E PREZZO Non importa che la scegliate bianca, nera o rossa, la TRK502X viene proposta sempre e comunque ad una cifra molto più che interessante, ovvero 5.990 euro franco concessionario. Meno di 6.000 euro per portarsi a casa una Adventure Bike a tutti gli effetti. 

PIU’ ALTA La posizione in sella migliora rispetto alla versione standard. Evidentemente i pochi centimetri in più di altezza sella regalano una migliore percezione di controllo e stemperano quella sensazione di “scooterone” che avevo avvertito sul “non X”. In questo caso infatti le gambe sono più distese e aiutano a sentirsi più agili e reattivi. Sicuramente le persone di statura più bassa potrebbero incontrare qualche difficoltà in più, ma considerate che nel catalogo aftermarket di Benelli è possibile scegliere una sella capace di regalare un seduta più bassa.

STESSO CARATTERE Il bicilindrico, come già evidenziato, è uguale in tutto e per tutto a quanto già provato in sella alla 502. Conserva quindi la medesima erogazione piatta e regolare che concede il meglio tra i 5.000 e gli 8.000giri, certo… qualche cavallo in più, soprattutto quando si incontra qualche salita più pronunciata, non guasterebbe, ma fortunatamente viene in soccorso la bontà del cambio, morbido e molto preciso negli innesti, assolutamente ottimo.

TUTTO SCORRE La ciclistica, grazie agli interventi su sospensioni e loro altezze, migliora le prestazioni rispetto alla TRK502 standard. La moto, in questa configurazione, è più alta dietro e carica sull’anteriore e, grazie anche alla ruota anteriore da 19”, scompare quell’effetto di auto raddrizzamento quando si decide di agire sul freno anteriore in fase di percorrenza di curva che avevo percepito in occasione della presentazione stampa della TRK502 del 2017.

La TRK502X di oggi danza tra una curva e l’altra senza apparente fatica e, anche se non è un fulmine nella messa in piega, è comunque davvero appagante grazie soprattutto alla precisione di guida, anche quando la strada è un po’ sconnessa e poco amichevole.

FRENI OK Altra nota positiva è data dai freni che per questa configurazione X abbandonano le pinze a quattro pistoncini ad attacco radiale in luogo di pinze flottanti a due pistoncini. Il risultato finale è una migliore sensazione; un po’ come se le pastiglie arrivassero meglio a mordere i due grossi dischi anteriori.

STRADE BIANCHE Durante la nostra prova abbiamo potuto anche affrontare alcune classiche strade bianche, nulla di particolarmente impegnativo, ma percorsi sterrati che hanno messo in luce la bontà della ciclistica e il suo equilibrio generale. Unica nota negativa riguarda la guida in piedi sulle pedane a causa dello spigolo vivo del serbatoio che preme sull’interno coscia; questa doverosa pratica off-road risulta quindi un po’ fastidiosa, peccato… Per il resto non c’è dubbio che la 502X si può permettere anche questi percorsi.

LA SOMMA CHE FA IL TOTALE A giochi finiti la TRK502X esce a testa alta da questa prima presa di contatto dimostrando la bontà del progetto e l’efficacia delle soluzioni tecniche applicate alla ciclistica. A mio parere l’unico difetto è quello che potenzialmente potrebbe cannibalizzare la versione “non X” visto che questa configurazione sembra molto più azzeccata; dite che per 5.990 euro potremo perdonarla? Penso di si…

 

IN QUESTO SERVIZIO

CASCO CABERG TOURMAX E’ il casco modulare totalmente made in Italy dotato di doppia omologazione P/J che permette di guidare anche a mentoniera alzata in totale sicurezza. La ventilazione del Tourmax è garantita da due prese d’aria facili da manovrare anche con i guanti. L’interno è completamente removibile e lavabile, realizzato con tessuti traspiranti ed ipoallergenici. Inoltre è possibile alloggiare il sistema di comunicazione JUST SPEAK S che permette di comunicare con telefonino, gps o mp3. Disponibile nei colori nero opaco, antracite opaco e bianco metallizzato, oltre alla sportiva versione grafica MARATHON che vedete in questa prova. 

GIACCA HEVIK NAMIB Ottima giacca tutto fare. Non mancano protezioni omologate CE su gomiti e spalle e la possibilità di aggiungere il paraschiena nella tasca posta all’interno; 3 strati e il tessuto esterno idrorepellente la rendono perfettamente adattabile alle più molteplici varietà climatiche. Anche le 4 tasche impermeabili offrono la giusta protezione allo smartphone e altri ammennicoli tecnologici. E quando la temperatura sale è possibile aprire  Se la temperatura si scalda si possono aprire le prese d’aria su petto e maniche e lungo la schiena. Ottime le regolazioni su vita, fianchi e polsi con chiusure a strappo. Colori disponibili per la giacca Namib: nero, grigio Taglie: XS-XXXL Prezzo: 249 euro

PANTALONI HEVIK TERRAIN Sono pantaloni termici dotati di protezioni omologate CE per ginocchia e per i fianchi. Grazie ai soffietti sulle ginocchia camminare è facile e le gambe si distendono bene. Composti da 3 strati con membrana impermeabile e traspirante W-STRIDER si sono ottimi alleati anche con temperature basse e, grazie alla fodera interna termica removibile, permettono di affrontare lunghi viaggi sempre al caldo. Le ampie tasche frontali permettono di riporre al sicuro portafogli, smartphone o altri oggetti e le prese d’aria frontali offrono un’ottima ventilazione. Qualunque sia il tipo di calzatura che indossate poi non ci sono problemi grazie al finale di gamba regolabile con chiusura a strappo triplo. Colori disponibili: nero  Taglie: XS-XXXL Prezzo: 219 euro

GUANTI ALPINESTARS MUSTANG GTX Ecco un ottimo guanto capace di soddisfare anche i palati più difficili. Realizzato in morbida pelle si caratterizza grazie alla classica protezione rigida per le nocche; sulle dita solo imbottiture morbide e l’interno è piuttosto confortevole poliestere. Non manca il laccetto per assicurarlo al polso e la zona del palmo impreziosita da un ulteriore strato anti usura. Prezzo: ND

STIVALI DAINESE LATITOUR È lo stivaletto certificato CE – Cat. II capace tutto fare un po’ di tutto. Comodo nella calzata grazie alla zip sul tallone è realizzato in tessuto poliammide ad alta tenacità arricchito da inserti in poliuretano e dal resistentissimo D-Stone. Precisa e perfetta anche la membrana impermeabile e traspirante di marca GORE-TEX. Insomma, un prodotto di alta gamma e senza rinuncie. Prezzo: 199,95 euro


TAGS: benelli Benelli TRK 502 Benelli TRK 502 prova benelli trk 502x benelli trk 502 prezzo benelli trk 502 prestazioni

Modello / Versione MY Potenza Prezzo
Benelli TRK 502 502 MY 2017 47 Cv / 35 Kw 5.990 €
Prova su strada
Benelli TRK 502, fare turismo spendendo poco si può!

Benelli TRK 502: la prova su strada, caratteristiche pregi e difetti

36 0
Prova su strada/fuoristrada
Kawasaki Versys-X 300: prova, caratteristiche e prezzi
Kawasaki Versys-X 300: prova, caratteristiche e prezzi

L'ultima nata in famiglia Versys guadagna la X, cerchi a raggi e la ruota anteriore da 19''. Facile ed intuitiva, questa piccola dual è proprosta in tre allestimenti, Base, Urban, Adventure e si rivolge ad un pubblico molto ampio

44 0
Prova su strada
Benelli TRK 502, tra le curve si guida dolcemente

Bicilindrico di soli 500cc, look da Adventure Bike e un prezzo davvero ...

25 0
Back To Top