Autore:
Danilo Chissalè

I TRUCCHI DEL MESTIERE Abbiamo iniziato a sognare la nostra prima moto guardando le imprese dei campioni nei circuiti di tutto il mondo. La pista per molti non è più un sogno grazie a supersportive e naked ad alte prestazioni che non sfigurano tra i cordoli. Per sfruttarne il potenziale in sicurezza ma divertendosi è consigliabile frequentare dei corsi di pilotaggio in pista. Sono stato all’Aprilia Riding Academy per rubare i trucchi del mestiere a istruttori federali altamente qualificati. Ecco com’è andata!

LA SCUOLA IN BREVE Prima di svelarvi tutto quel che vi serve sapere per mettere dietro in pista il vostro amico “fermone” è giusto che vi presenti l’Aprilia Riding Academy nei suoi dettagli. I corsi di guida si tengono principalmente a Imola e Cervesina: il primo è un Autodromo leggendario da “pelo sullo stomaco”, il secondo, con la sua tortuosità, è ottimo per affinare la tecnica di guida. Entrambi gli Autodromi vengono utilizzati in esclusiva da Aprilia creando la situazione ideale per apprendere senza stress. A disposizione degli allievi le migliori armi da pista Made by Aprilia, la RSV4 in versione RR e Factory e la naked sportiva Tuono V4 1100 Factory, un team di istruttori federali e un preparatore pronto a dispensare consigli su alimentazione e preparazione atletica.

Aprilia Riding Academy

VIA IL CRONOMETRO! Sembrerà difficile da credere ma per migliorare il proprio miglior tempo… non bisogna guardare il tempo! Questo uno dei primi insegnamenti che ho ricevuto da Lorenzo, Paolo e gli altri istruttori. Allontanando l’ansia da prestazione ci si concentra meglio sul miglioramento delle tecniche di guida, con il conseguente aumento della fiducia nei propri mezzi, la diminuzione della fatica e, finalmente, il miglioramento cronometrico.

CI VUOLE TESTA Ognuno di noi commette degli errori mentre si trova in sella alla propria moto, per correggerli non c’è modo migliore che frequentare un corso come quello dell’Aprilia Riding Academy. Alcuni errori sono però più frequenti di altri e cercherò di spiegarvi come correggerli (con l’aiuto delle spiegazioni fornitemi dagli istruttori). Il più comune, nonché visibile anche ad occhio nudo, è il posizionamento della testa e dello sguardo. La testa è l’organo più pesante del nostro corpo ed è uno strumento utilissimo a contrastare la forza centrifuga applicata alla moto durante una piega. Il consiglio è quello di posizionare la testa verso l’interno della curva: in tal modo sarà più facile far chiudere la traiettoria alla moto. Il tutto ovviamente accompagnando con lo sguardo: la moto va dove noi guardiamo, quindi lo sguardo, dopo aver individuato il punto di corda, dovrà già mirare il cordolo in uscita.

Uno scatto durante la teoria

QUESTIONE D’APPIGLI Altro aspetto spesso trascurato è l’importanza delle pedane. Avete mai visto le suole di uno stivale di un pilota? Fate una ricerca su Google immagini! Spingere sulle pedane è fondamentale per comunicare alla moto quali sono le nostre intenzioni. Voglio curvare di più? Devo spingere sulla pedana interna. Voglio raddrizzare la moto per spalancare il gas per sfruttare la coppia? Devo spingere quella esterna. Altro punto di contatto fondamentale è il serbatoio che va sfruttato con braccia e gambe. Insomma, l’unico momento per riposarsi è il rettilineo, a patto di rannicchiarsi bene in carena.

Aprilia Tuono V4

FISICO BESTIALE Con moto che sfiorano, o in alcuni casi superano, i 200 cv avere un fisico preparato a contrastare le reazioni di questi missili su due ruote è sempre più importante. Uno dei plus di questo corso è senza dubbio la possibilità di potersi interfacciare con un massoterapista valido come Daniel (tra l’altro anche un discreto manico) su aspetti importanti come l’alimentazione, la preparazione atletica e lo stretching. Vi lascio con un consiglio per affrontare la prossima giornata in pista: non esagerate con gli isotonici (Gatorade, Powerade o qualsiasi altro marchio), nel vostro frigo non deve mai mancare l’acqua che va assunta in quantità maggiore rispetto ai prodotti sopraccitati per evitare la nausea.

DATE E PREZZI Se il racconto di questa esperienza vi ha incuriosito e non vedete l’ora di partecipare a uno dei corsi dell’Aprilia Riding Academy vi rimando al sito ufficiale Aprilia, dove consultare le date e i prezzi di ogni corso. Se proprio le Aprilia non vi dovessero piacere (come sia possibile mi sfugge) vi farà piacere sapere che è possibile partecipare con la propria moto ad un prezzo sensibilmente inferiore.


TAGS: aprilia rsv4 1100 factory aprilia rsv4 1100 factory prova aprilia rsv4 1100 factory corso di guida