Prova su strada

Yamaha Tmax vs Gilera Nexus


Avatar Redazionale , il 25/10/04

16 anni fa - Lotta aperta tra i maxi più sportivi

Scooter? Ma per carità, questa definizione va molto molto stretta a Tmax e Nexus, due mezzi in grado di farvi dimenticare la moto senza rimpianti. Li abbiamo provati in un faccia a faccia lungo un giorno e 350 km. Un itinerario completo per mettere in evidenza le caratteristiche e il carattere di ciascuno dei due. E abbiamo dato i voti.

2068 A 580... Visto così, partendo dai freddissimi numeri di vendita, questo confronto non ha ragione di esistere. I primi due mesi del 2004 hanno sancito ulteriormente la nettissima superiorità commerciale dello Yamaha TMax, re del mercato degli overscooter, che piace, va bene ed è di moda come il mojito. Ma a noi piace sempre andare al di là dei numeri. E se è un dato di

fatto che il Tmax ha portato un fortissimo vento di novità nella guida in automatico, è altrettanto vero che il Nexus, ha voluto infastidire il Re proprio nelle caratteristiche che ne fanno il suo punto di forza: guida sportiveggiante e prestazioni.

STRADE DIVERSE

Così la sfida acquisisce un senso compiuto, perché mette in evidenza due strade tecniche differenti per raggiungere il medesimo risultato: offrire un piacere di guida sempre più vicino a quello di una moto con un mezzo automatico a ruote piccole (anche se ormai siamo arrivati a 15 pollici).

MOTO-SCOOTER Yamaha per prima ha tracciato il sentiero di questa nuova tipologia di mezzi a due ruote. Il Tmax è in pratica una vera moto rivestita da scooter. Motore fisso nel telaio, forcella con due piastre, trasmissione finale a catena, distribuzione dei pesi da moto. Tutto su Tmax riporta al mondo delle moto. Tutto tranne il comfort, la protezione e la sfruttabilità, che restano prettamente scooteristiche, caratteristiche che lo rendono un mezzo difficilmente classificabile se non come... Tmax.

SCOOTER-MOTO Dal canto suo il Nexus è uno scooter vero e proprio. Motore oscillante, forcella con una sola piastra, frenata integrale. Ma la distribuzione dei pesi (almeno quella dichiarata) è addirittura più motociclistica di quella già spinta verso l'avantreno del Tmax (48%-52% Nexus 47%-53% Tmax). In più il Nexus ha introdotto molti "ammennicoli" propri delle moto sportive, che lo rendono probabilmente lo scooter più regolabile in assoluto. Logico quindi attendersi un carattere di guida del tutto differente a quello dei semplici scooter, cosa che, naturalmente, abbiamo rilevato nella nostra prova. Che abbiamo diviso in capitoli per comodità di lettura.

GIRO GIRO TONDO Chi è il vincitore? Troppo bello dirvelo adesso, sarebbe come svelare il finale di un film di Hitchcock. Come c'era da aspettarsi, i due contendenti hanno messo in mostra spiccate e differenti personalità, non solo tecniche ma anche di guida. Seguiteci fino in fondo e vedrete che le sorprese non mancheranno. E per rendere più comprensibile il confronto abbiamo dato i voti in trentesimi, come all'università, mentre per l'esame di laurea sono in centesimi. Buona lettura.

FINITURE E DOTAZIONI

ERGONOMIA

MOTORE-PRESTAZIONI

ABITABILITA'-BAGAGLI

COMFORT E PROTEZIONE

GUIDA

FRENATA

CONCLUSIONI

FINITURE E DOTAZIONI
Yamaha Tmax 28/30
Gilera Nexus 28/30

PIU' E MENO Occorre innanzitutto partire da una considerazione. Il Nexus costa meno del Tmax, molto meno (6495 euro il primo, 8530 il secondo). In tutto fanno 2035 € di differenza, cifra che con i tempi che corrono al momento dell'acqusto potrebbe far pendere pesantemente l'ago della bilancia verso l'italiano (anche se il mercato dimostra il contrario).

IL MEGLIO DEI PIAGGIO

Anche perché il Nexus vanta finiture nettamente superiori allo standard Piaggio (Vespa esclusa) e offre una dotazione di tutto rispetto. Strumentazione completissima (compreso un computer di bordo davvero ricco d'informazioni e comandabile dal manubrio), sospensione posteriore regolabile (non solo in altezza ma anche nel precarico), parabrezza regolabile, apertura sottosella con telecomando integrato nella chiave. Non manca davvero nulla, impossibile lamentarsi.

TOCCARE CON MANO Però la "qualità percepita" quella al tatto, quella visiva quella degli accoppiamenti, dei materiali, delle verniciature premia il Tmax. Quanto a finiture lo standard giapponese è ancora di là dall'essere raggiunto dai prodotti nostrani (e non solo). Va detto però che sul Tmax manca qualche comodità offerta dal Nexus come il parabrezza regolabile e l'ammortizzatore posteriore altrettanto regolabile (almeno nel precarico). Senza contare i gadget da marketing (vedi telecomando aprisella e puntone per regolazione dell'altezza del retrotreno). In conclusione, la miglior dotazione dell'italiano fa chiudere un occhio su qualche finitura non proprio impeccabile (decals che tendono a staccarsi, qualche scricchiolio, pancia dello scooter che si riempie d'acqua come una piscina quando piove), soprattutto in considerazione del prezzo d'acquisto.

*BRPAGE*

ERGONOMIA
Yamaha Tmax 29/30
Gilera Nexus 27/30

MORBIDEZZE In questo campo i giapponesi sono ancora imbattibili e sebbene il Nexus sia tutt'altro che scomodo o studiato male, nulla può contro la perfezione del Tmax che ha una posizione di guida eccellente e naturale, comandi morbidissimi, sella anatomica (adesso anche con supporto lombare regolabile), spigoli arrotondati,

sensazione tattile di gran rotondità ovunque. Tutto sottomano, tutto sott'occhio, con la strumentazione perfettamente leggibile.

STRANEZZE Il Nexus ha una posizione di guida del tutto inusuale, soprattutto per uno scooter: sella alta, manubrio basso e vicino, ricorda un po' la Ducati Multistrada, la pedana è più stretta, soprattutto in lunghezza, e consente praticamente una sola

posizione delle gambe, quella piegata. I comandi sono tutti molto funzionali ma generalmente più duri da azionare rispetto a quelli del Tmax.

QUESTIONE DI CHIAPPE La strumentazione (dal design decisamente aggressivo) non è altrettanto sott'occhio e soprattutto se si guida con casco integrale costringe ad abbassare troppo lo sguardo per "buttare un occhio". Gli specchietti del Nexus sono dei begli oggetti di design (incorporano anche le frecce), ma con meno visuale. I piedi a terra? Il Tmax ha la sella più bassa ma anche un pelo troppo larga, il Nexus l'ha più stretta ma più alta (ma dipende come si regola l'altezza del puntone) alla fine siamo pari.

*BRPAGE*

MOTORE-PRESTAZIONI
Yamaha Tmax 29/30
Gilera Nexus 30/30

DUE A UNO Il confronto di due scuole porta a risultati assolutamente comparabili. Due cilindri per il Tmax, uno solo per il Nexus, entrambi abbeverati da un sistema d'iniezione elettronica, entrambi catalizzati Euro2. C'è tanta tecnologia in questi motori soprattutto per quanto riguarda le trasmissioni automatiche, che ora si trovano a gestire cavallerie considerevoli.

FRENO MOTORE Il Nexus opta per un sistema più tradizionale, il Tmax ha più sofisticazioni tecniche, che alla fine valgono anche un maggior freno motore, decisamente più gradevole da utilizzare soprattutto quando si guida in discesa. Con il Nexus invece, quando si chiude il gas si rimane praticamente in folle. Quanto a prestazioni il singolo cilindro del Nexus tiene testa senza patemi ai due del Tmax, anche perché lo scooter italiano pesa meno di quello giapponese. Così nella garetta al semaforo il Nexus spunta con più decisione.

IL MONO CHE SPINGE

Il mono Piaggio "strappa" con grinta, l'accelerazione è notevole. Addirittura pare far meglio del Tmax che però perde terreno solo leggermente (praticamente mezza moto) dai 0 agli 80 all'ora, per poi riconquistare i metri persi e guadagnare qualcosina fino ai 120km/h). Oltre, la parità è assoluta, i due mezzi corrono praticamente allineati fino alla velocità massima che è notevole. Entrambe le lancette dei tachimetri arrivano a sfiorare i 180 km/h (il computer di bordo del Nexus ha registrato 177 km/h), ma il Tmax è anche in grado di fare qualcosina in più, basta prendere un falsopiano favorevole e allunga ancora mentre il Nexus si pianta contro il limitatore (a circa 8.200 giri) in cui incappa con una certa facilità.

CROCIERA VELOCE

Per entrambi, comunque, prestazioni di livello assoluto e velocità di crociera degne di moto di media cilindrata, con la velocità codice utilizzabile praticamente all'infinito. Quasi pari anche i consumi, con la riserva del Tmax che comincia ad illuminarsi un po' prima. Fatto il pieno all'inizio del test abbiamo fatto rifornimento per entrambi dopo circa 200 km, rilevando dei consumi medi molto interessanti, soprattutto in merito all'andatura tenuta, non certo turistica (vedi qui sotto).

POCA SETE Un ottimo risultato, scontato per il Nexus (il mono Piaggio è sempre stato astemio), sorprendente per il Tmax, che grazie all'iniezione si è scrollato di dosso il fastidioso appellativo di "idrovora" conquistato con la versione a carburatori. Promosse le trasmissioni, mai in affanno nemmeno dopo una lunga salita con tratti anche del 15%. Hanno sempre funzionato in modo impeccabile.

Gilera Nexus: 198,7 km con 10,50 litri consumo medio: 18,92 km/litro
Yamaha Tmax
197,7 km con 11,65 litri consumo medio: 16,96 km/litro

*BRPAGE*

ABITABILITÁ-BAGAGLI
Yamaha Tmax 29/30
Gilera Nexus 28/30

Confronto a vantaggio del Tmax che, grazie anche ad una carrozzeria più "corpulenta" rispetto allo snellissimo Gilera, offre più spazio per tutto: pilota, passeggero e bagagli. Più spazio per gambe, sella più ampia, bagagliaio più spazioso. Il

Gilera Nexus per far spazio alla sua impronta sportiva (ammortizzatore orizzontale sotto la sella) ha dovuto invece rinunciare ad una bella porzione di volume nel sottosella. 

UN CASCO SOTTO Un casco integrale ci sta su entrambi: sul Tmax lo abbiamo dovuto coricare di lato per chiudere la sella, mentre sul Nexus c'è stato in posizione regolare, solo che ci sta solo lui. Il Tmax offre un vano più regolare e altro spazio sfruttabile oltre a quello occupato dal casco. Su entrambi i vani sono illuminati, con quello del Tmax anche rivestito in moquette. Equivalente la situazione nel retroscudo, con un piccolo stipetto ove riporre chiavi, guanti, occhiali o biglietti dell'autostrada. Più sfruttabile, in questo caso quello del Nexus piazzato in posizione più agevole. Per entrambi la benzina si fa nel tunnel centrale; il Tmax ha il tappo praticamente sulla sella e questo può portare a sporcare la sella stessa nel caso si incappi in un benzinaio distratto...

*BRPAGE*

COMFORT E PROTEZIONE
Yamaha Tmax 28/30
Gilera Nexus 25/30

SPORT O TOURING? A questa voce emergono prepotenti le differenti personalità dei due scooter. Il Tmax era sportivo ma con l'arrivo del Nexus si è praticamente trasformato in sport touring. Il comfort offerto dal maxi Yamaha è infatti di livello decisamente superiore a quello esibito dal Nexus, che è rigido (fin troppo).

BOLLA D'ARIA Sia di sella sia di sospensioni il maxi scooter Gilera ha una posizione più costrittiva (non si possono allungare le gambe) e meno protezione della parte alta del pilota, lasciando fuori dalla "bolla" d'aria calma casco, spalle, mani e parte delle braccia. Abbiamo viaggiato quasi sempre con il parabrezza a metà, ma anche alzandolo migliora leggermente la protezione sul casco ma non quella su spalle e braccia.

IL DURO La differenza della rigidità della sella alla lunga è evidente, è un po' come passare da una sedia (il Nexus) a una poltrona (il Tmax). Purtroppo, per guadagnare il maggior spazio possibile per il casco in Gilera hanno dovuto lesinare sull'imbottitura. Soprattutto in punta di sella, dove inevitabilmente si finisce per stare, visto che la sella stessa un po' in discesa spinge in avanti. Il Gilera Nexus insomma è uno sportivo vero (e lo vedremo anche dopo nel capitolo guida) al punto da imporre qualche sacrificio in ossequio alla bella guida. Come dire: carattere italiano fino in fondo.

IL MORBIDO Del tutto differente la situazione sul maxi Yamaha che ha una posizione di guida più rilassata, più da scooter. Comfort poltronesco, sospensioni morbide, protezione dall'aria ineccepibile della parte alta. Si viaggia ben riparati con una modesta spinta da dietro tipica dei parabrezza così alti e verticali. E con metriquadri di sella a coccolare il fondoschiena di pilota e passeggero (quest'ultimo praticamente sullo stesso piano di chi guida e per questo poco esposto all'aria).

SCUDI Vibrazioni=0 per il Tmax, mentre l'italiano fa sentire il suo motore soprattutto attorno ai 6.000 giri su pedana e manubrio. In compenso il Gilera fa meglio quanto a protezione gambe. Lo scudo molto "scavato" del Tmax lascia filtrare più aria con qualche turbolenza nella parte bassa. Basterebbero un paio di deflettori per migliorare la situazione, li aspettiamo per la prossima versione?

*BRPAGE*

GUIDA
Yamaha Tmax 28/30
Gilera Nexus 28/30
PAREGGIO Eccoci al dunque, è a questa voce che le differenze tra i due contendenti si

fanno più marcate. Assodato che il minor peso del Gilera pareggia il conto con la maggior cavalleria del Tmax, spostiamo il confronto sulle caratteristiche di guida. Sinceramente pensavamo che fosse il Tmax a dare le maggiori sensazioni motociclistiche, invece, quasi a sorpresa, abbiamo scoperto che il Nexus, se possibile è ancora più moto del maxi scooter Yamaha. Più moto soprattutto per come vuole essere guidato tra le curve.

GUIDA SICURA

Per entrambi occorre sottolineare l'assoluta sicurezza trasmessa dall'avantreno, anche quando il fondo è bagnato. Una stabilità che non trova paragoni nel mondo degli scooter, se non nel Suzuki Burgman 650. Con loro ci siamo trovati a percorrere curvoni autostradali a pieno gas senza che ci fosse il benché minimo problema. Il Nexus addirittura esagera con la stabilità, ha una presenza di sterzo mai riscontrata prima su nessuno scooter, Tmax compreso.

SU O GIÙ?

Il gioco della regolazione dell'altezza dura molto poco. Tenendo lo scooter tutto basso lo sterzo è praticamente cementato, stabilità a mille ma la maneggevolezza è limitata e si ha anche un po' poca luce a terra. Alla fine abbiamo trovato il miglior compromesso utilizzandolo tra la settima e la 10 tacca (in totale sono 14) in pratica più o meno a metà.
GUIDA DI CORPO Certo è che il Nexus ha realmente un carattere motociclistico, è il primo scooter che ci capita di guidare con il corpo. La sua posizione di guida particolare (manubrio basso e vicino al pilota) fa sì che quando si accelera il passo, sulle curve diventi quasi naturale spostare il busto e il casco all'interno della curva, proprio come si fa quando si ha un serbatoio in mezzo alle gambe. E si va forte con il Nexus, la taratura rigida delle sospensioni non sarà il massimo sul pavé, ma quando si è tra le curve lo rende davvero efficace. Se non fosse per l'assoluta mancanza di freno motore sarebbe davvero eccezionale. GUIDA SOFT  Ma il Tmax, è sempre lì, non perde un metro. Lui con la sua posizione più comoda riesce, nonostante il peso superiore, ad essere addirittura più maneggevole del 500 Gilera. Se il Nexus si guida con il corpo, il Tmax si guida con un dito. Facile, morbido, pare addirittura di andare piano, invece si tiene agevolmente un passo molto svelto. I limiti di piega tra l'altro sono a vantaggio del giapponese, che nella guida a solo, tocca con il cavalletto solo quando veramente si esagera. Piuttosto è il peso a farsi sentire di più.

QUESTIONE DI PESO Sul Tmax la maneggevolezza è a livelli assoluti ma quando si cambia direzione si avverte che c'è più inerzia, più peso a gravare sulle ruote rispetto al "rigidone" italiano. Tra l'altro, se il bilanciamento longitudinale (anteriore-posteriore) è eccellente per entrambi, quello laterale (destra sinistra) è a vantaggio del Tmax che ha una trasmissione decisamente meno sporgente rispetto a quella del Nexus. La maggior caratterizzazione sportiva del Nexus si nota anche dallo spazio sulla pedana.

PIEDI INDIETRO Con il Gilera non si possono portare i piedi avanti, in compenso si possono portare anche indietro, cosa che viene naturale quando si guida in modo sportivo. Il tunnel del Tmax che si allarga in modo più repentino invece non lo consente. E siamo di nuovo alla definizione che avevamo dato all'inizio. Tmax, sport touring, Nexus supersportivo.

*BRPAGE*

FRENATA
Yamaha Tmax 29/30
Gilera Nexus 29/30

DUE FILOSOFIE Duello a sei tra i dischi del Tmax e quelli del Nexus. I due terzetti si danno un gran daffare per calmare le escandescenze dei motori e ci riescono anche piuttosto bene in verità. Differenze marcate per le filosofie. Il Nexus è quello che fa più la moto, ma quando si tratta di frenare alla fine si ricorda di essere ancora uno scooter. Impianto integrale per lui, che con la leva sinistra comanda freno

posteriore e uno dei due dischi anteriori; tutto tradizionale per il Tmax che con l'arrivo del secondo disco anteriore conquista un po' di potenza ma, soprattutto, tanta modulabilità. Per entrambi frenate molto potenti e sicure (anche sul bagnato danno davvero una gran sicurezza) il Tmax ha però comandi più morbidi e quindi riesce più facile modulare la frenata (anche se dietro tende un po' a bloccare).

FRENO DI BURRO

Le leve burrose del Tmax ti fanno sentire in mano le pastiglie, mentre sul Nexus occorre tirare leggermente più forte. La differente filosofia si fa sentire anche quando si guida tra le curve. I comandi indipendenti avvantaggiano leggermente lo scooter giapponese con cui puoi permetterti anche di pelare il freno dietro per rientrare in traiettoria, senza che lo scooter si raddrizzi. Cosa che invece succede (sia pur in modo assolutamente meno evidente rispetto ad impianti analoghi) con il Nexus. DISCESA, CHE STRESS La mancanza di freno motore stressa particolarmente i freni quando si guida in discesa e l'aroma di ferodo fritto che saliva da entrambi gli scooter ce lo ha fatto notare. Curiosamente è stato il più leggero Nexus ad accusare maggiormente la fatica. Alla fine della discesa del passo, la corsa della leva di sinistra si è allungata parecchio, probabilmente il fatto di avere due dischi che mandano caldo allo stesso olio influenza un po' il rendimento.

*BRPAGE*

CONCLUSIONI
Yamaha Tmax laureato con 96/100
Gilera Nexus laureato con 93/100

CARATTERI E STILI Più verace l'Italiano, più comodoso il giapponese. Nexus e Tmax sono usciti entrambi a testa altissima dal confronto mostrando senza ombra di dubbio di essere i due scooter che attualmente avvicinano in modo più consistente il mondo delle moto. Due tipetti con del talento verrebbe da dire. E anche se il Tmax a nostro parere resta ancora inattaccabile nel complesso, il Nexus ha il merito di introdurre il concetto di supersportività anche nel segmento degli automatici.

MODAIOLI Prestazioni, piacere di guida versatilità di mezzi del genere sono in grado di far vacillare anche il più convinto dei motociclisti. Il Tmax adesso è modaiolo al massimo, il Nexus sta arrivando a dar fastidio. Non è un vorrei ma non posso, ma un mezzo di indole sostanzialmente diversa... certo che 2.035 € non sono bruscolini.

VOCE

GILERA NEXUS 500

YAMAHA T-MAX

Finiture e dotazioni

28/30

28/30

Ergonomia

27/30

29/30

Motore e prestazioni

30/30

29/30

Abitabilità e bagagli

28/30

29/30

Comfort e protezione

25/30

28/30

Guida

28/30

28/30

Frenata

29/30

29/30

Conclusioni

93/100

96/100

In questo servizio:

Caschi: Dainese Airstream
Kiwi K 500 Donington

Giacche: Dainese Gtrax, Dainese MakoGuanti: Alpinestars SPS, Dainese Moto XScarpe: Sidi; Alpinestars
Pubblicato da Stefano Cordara, 25/10/2004
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox