Autore:
Danilo Chissalè

UNCONVENTIONAL SCOOTER Con l’estate (forse) alle porte torna d’attualità l’emergenza incendi. Il problema non colpisce solamente le aree boschive, non è raro infatti imbattersi in incendi a bordo strada o veicoli in fiamme durante i mesi più caldi dell’anno. Il Suzuki Burgman 650 della società Gruppo Servizi Associati S.p.A è studiato per arrivare sul luogo dell’emergenza nel minor tempo possibile, anche quando il traffico congestionato rallenta i mezzi di soccorso convenzionali.

COME FUNZIONA L’innovativo mezzo antincendio sfrutta un sistema di spegnimento ad impulsi, che sfrutta al meglio le risorse estinguenti. Questo brevetto permette di estinguere velocemente il fuoco utilizzando una quantità minima di agente estinguente liquido. Questo è erogato attraverso una pistola idrica ad impulso che a ogni colpo spara un litro di agente estinguente in gocce del diametro da 2 a 200 micron. La grande energia cinetica sprigionata dal getto facilita lo spegnimento immediato delle fiamme, mentre la vaporizzazione garantisce una vasta superficie refrigerante e un efficace assorbimento del calore. Il suo raggio d’azione è di 15 metri, che si possono sommare ai 25 metri di lunghezza della tubazione che collega la lancia al serbatoio dell'agente estinguente.

COME È FATTO La trasformazione da scooterone a mezzo di soccorso non rende giustizia alle linee del Burgman, ma per il bene comune il nostro senso estetico verrà messo da parte. Il maxi scooter di Hamamatsu viene equipaggiato con un serbatoio da 60 litri contenente il materiale estinguente, due bombole di aria da 9 litri compressa a 300 bar, un Naspo da 25 metri e luci di emergenza.

IN SERVIZIO Mezzi come questo sono già in servizio in svariate tratte stradali e autostradali italiane e francesi e all’interno di molte gallerie, quali per esempio il Traforo del Gran Sasso della lunghezza di 10 km, lungo l’Autostrada A24 nel tratto Aquila-Teramo, la Galleria di Base della lunghezza di 8 km, lungo l’Autostrada A1 nel tratto Firenze-Bologna e le gallerie delle Autostrade A6 e A7 della Metropole de Grand Lyon.


TAGS: