Pubblicato il 15/09/20

ACCESSORIO IMPRESCINDIBILEPer fare mototurismo servono buoni interfoni”. Lo dice la mia ragazza, che ha messo come conditio sine qua non per il viaggio di 3.000 km in sella alla Suzuki V-Strom 1050 la presenza di questo accessorio imprescindibile. Dopo diverse ore spese a cercare i modelli più adatti alle mie esigenze la scelta è ricaduta sui i Midland BTX 2&1 PRO S, una coppia d’interfoni davvero ben assortita. Fanno parte della fascia media ma, come ho potuto verificare nel mio test, hanno qualità da veri top di gamma! Ecco quali.

 Midland BTX 2&1 PRO S: si montano praticamente su ogni tipologia di casco

L’UNIONE FA LA FORZA Parto dicendo che i due interfoni sono disponibili anche singolarmente, il BTX 1 PRO S è un entry level di ottimo livello, il BTX 2 PRO S invece, grazie alla tecnologia Bluetooth 4.0, permette maggiori funzionalità come la comunicazione interfonica in contemporanea all’ascolto di musica o delle indicazioni del navigatore, o alla comunicazione conference fino a 4 piloti con cellulari e/o gps connessi, entro un raggio di 1.200 metri. Insieme formano un’accoppiata perfetta, con il BTX 2 montato sul casco di chi guida e l’1 per il passeggero, proprio come ho fatto io.

SENSAZIONE PREMIUM Fin dalla confezione ho avuto l’impressione di aver a che fare con un prodotto di qualità superiore. Entrambi gli interfoni sono contenuti dentro una pratica custodia con zip di dimensione tutto sommato contenute, ideale per essere trasportata anche quando lo spazio nelle borse laterali scarseggia. Confezione contenuta, dunque, ma al suo interno c’è davvero tutto il necessario: manuale d’uso completo, due guide pratiche sintetizzate per un utilizzo immediato, oltre a tutti gli accessori necessari per il montaggio. Tutto tenuto in ordine da spugnette e tasche richiudibili con la zip.

 Midland BTX 2&1 PRO S: la confezione ha un aspetto premium

LO MONTI OVUNQUE A proposito di montaggio, i Midland BTX 2&1 PRO S si adattano praticamente a tutte le tipologie di casco, modulare e integrale (come nel test) ma anche su jet e demi-jet. Tutto merito delle diverse tipologie d’attacco – morsetto o adesivo – e di microfono. Nel caso scegliate l’adesivo – soluzione da preferire se non avete manualità o tempo per smontare gli interni del casco - non temete, la tenuta e la flessibilità non sono affatto un problema: entrambi gli adesivi hanno resistito a velocità autostradali anche dopo essere stati intere giornate in preda del maltempo.

FACILI (DOPO LA LETTURA DEL MANUALE) Facili da montare ma anche da utilizzare, a patto di passare una decina di minuti con la testa sul manuale d’uso per apprendere le funzioni basilari come l’accensione, lo spegnimento e il passaggio da una modalità all’altra. I due interfoni – se acquistati insieme – escono dalla confezione già abbinati, un’operazione in meno da effettuare che vi farà risparmiare tempo, specialmente se li montate a poche ore dalla partenza (il cronoprogramma della partenza è sempre un ginepraio d’imprevisti). Per le altre funzionalità il tempo da passare con il naso a perlustrare il manuale è un po’ in più, anche perché, non essendoci display che mostrano menù, bisogna studiare le combinazioni di tasti giuste per accoppiare il telefono, il GPS, memorizzare le stazioni radio preferite o passare dalla modalità interfono con il passeggero alla modalità conference con altri dispositivi Bluetooth.

ADDIO RUMORE Non preoccupatevi, dopo pochi tentativi tutto diventerà un automatismo, anche perché i tasti sono studiati in maniera ergonomica e sono facilmente individuabili anche indossando i guanti (almeno i tre principali, più piccoli quelli che regolano il volume). A tal proposito, rispetto ad altri interfoni che ho provato in passato (anche alcuni di bassa qualità comprati sui siti di e-commerce), i Midland BTX 2&1 PRO S, grazie alle funzioni Digital Noise Killer, Noise Gate ed Equalizer e alla qualità degli altoparlanti Hifi e con Superbass consentono di mantenere un livello di volume “umano” senza obbligarvi a torturare i timpani. Il microfono cancella in automatico il rumore e la qualità audio degli altoparlanti è ottima: ho viaggiato in autostrada con la mentoniera alzata per chilometri senza problemi di comunicazione con il passeggero.

 Midland BTX 2&1 PRO S: il microfono cancella ogni tipo di rumore

DURANO A LUNGO Un altro punto a favore dei Midland BTX 2&1 PRO S è certamente la durata della batteria. La casa dichiara fino a 23 ore di utilizzo prima di doverli attaccare alla presa di corrente (tramite micro USB e caricatore, peccato che ce ne sia solo uno nella confezione), durante il test ho guidato ininterrottamente per 14 ore e la batteria era ancora prossima al 50%, dunque il dato reale non si discosta da quello dichiarato. La buona durata è garantita anche da una funzione intelligente che interrompe la comunicazione se per un determinato lasso di tempo il microfono non rileva dialoghi… mica male! Nel caso di batteria a terra bastano due ore per poter tornare ad utilizzarli e si possono caricare anche tramite i comuni power bank o tramite la presa USB della moto.

QUANTO COSTA Il Diabolik e la sua Eva Kent degli interfoni, o se preferite i Midland BTX 2&1 PRO S sono in vendita sul sito internet del produttore a 359 euro iva inclusa, prezzo decisamente interessante, specialmente se si considera che è compatibile con i più moderni display TFT e ha la possibilità di sostituire in caso di guasto i singoli componenti non essendo collegati sulla stessa linea.


TAGS: Midland BTX 2&1 PRO S Midland BTX 2&1 PRO S recensione Midland BTX 2&1 PRO S pregi e difetti Midland BTX 2&1 PRO S caratteristiche Midland BTX 2&1 PRO S durata batterie Midland BTX 2&1 PRO S funzioni Midland BTX 2&1 PRO S prezzo