Pubblicato il 20/05/20

FERMA AI BOX Dopo il nostro confronto con BMW S 1000 RR e Yamaha R1 M, la Honda CBR 1000 RR-R è costretta a prendersi una momentanea pausa. Le consegne infatti slittano a causa di un problema che interessa alcuni esemplari diretti al mercato europeo. Scopriamo di cosa si tratta.

IL RICHIAMO A causa di un problema al motore, precisamente alle bielle, circa 300 Honda CBR 1000 RR-R destinate all'Europa sono state messe sotto esame. Un richiamo a scopo cautelativo, visto che non risultano casi di CBR 2020 con problemi. D'altra parte, meglio uno scrupolo in più prima, che una grana dopo (la consegna ai concessionari).

La CBR 1000 RR-R 2020

IL MOTORE Del propulsore della nuova CBR 1000 RR-R 2020 vi avevamo parlato nel corso della prova. Honda, che con le ultime Fireblade ha dovuto arrancare un po' nei confronti delle avversarie, quest'anno ha dato il tutto per tutto, realizzando il 4 cilindri in linea 1.000 più potente di tutti: sono 217,5 i CV a 14.500 giri/min (sentite che sound nella video prova della CBR). Speriamo che l'incidente di percorso non abbia ripercussioni, permettendo alla Honda Fireblade 2020 di giocarsela con le avversarie fino all'ultimo cavallo.

La Honda CBR 1000 RR-R ferma ai box: problemi al motore per 300 esemplari destinati al mercato europeo


TAGS: campagna richiamo Honda CBR 1000 Fireblade honda cbr 1000 rr-r