Autore:
Danilo Chissalè

RACING CON TARGA Tokyo Motorcycle Show 2019, Vyrus colpisce ancora. L’atelier italiano ha strabiliato il pubblico del Paese del Sol Levante con l’ennesimo esercizio di eccellenza ingegneristica: la Vyrus 986 M2, praticamente una Moto2 con targa, fanali e frecce.

MOTORE HONDA Le Vyrus in passato si sono contraddistinte per l’utilizzo di motori Ducati come quello della 999R o della 1098R, questi, però, sono incompatibili con la volontà di creare una moto in linea con i regolamenti dei campionati Moto2. La scelta è dunque ricaduta sul motore Honda 4 cilindri in linea da 599 cc che fino alla scorsa stagione spingeva le Kalex, KTM o Suter del Motomondiale. La potenza massima è di 130 cv mentre la coppia è di 66 Nm, dati forse non esaltanti ma gli effetti speciali arrivano con la ciclistica.

Vyrus 986 M2

ARTIGIANALE Realizzato con soluzioni inusuali con una cura del dettaglio maniacale il comparto ciclistico della 986 M2 prevede un telaio a doppio omega realizzato in ergal ricavato dal pieno, il sistema di sterzo con mozzo sterzante e le sospensioni con schema push road. La carenatura in carbonio, i cerchi marchesini e i metalli leggeri utilizzati per pedane, comandi e rinvii permettono di fermare l’ago della bilancia a 145 kg in ordine di marcia, meno di una Panigale Superleggera o di una BMW HP4.

ALTA GAMMA La sartorialità delle realizzazioni e il pregio dei materiali utilizzati portano ad un prezzo al pubblico decisamente da moto racing. L’ultima versione della 986 M2 – la moto è da tempo nei listini di Vyrus – costa 43.475 euro.


TAGS: tokyo motorcycle show 2019 tokyo motorcycle show 2019 vyrus tokyo motorcycle show 2019 vyrus 986