Autore:
Giulio Scrinzi

UNA VERSIONE TUTTA NUOVA Introdotta per la prima volta nel 2005, la Suzuki RM-Z 450 ha ricevuto nel tempo diversi aggiornamenti ma per il 2018 è pronta a tornare sotto i riflettori con una versione tutta nuova. Il concetto attorno al quale i tecnici di Hamamatsu hanno voluto incentrare il modello 2018 è semplice: l'equilibrio vincente tra le tre doti che servono per trionfare nel motocross, ossia accelerare, curvare e frenare.

MOTORE PIÙ POTENTE Per quanto riguarda la prima caratteristica che è stata rinnovata sulla RM-Z 450 MY 2018, la Suzuki ha voluto incrementare la potenza del motore 450cc, oltre a rendere più fluida la risposta dell'acceleratore. La testa del cilindro è stata rivista nella forma, l'apertura del filtro dell'aria è stata allargata mentre è stata cambiata la direzione degli iniettori incrementando, allo stesso tempo, la pressione del carburante in camera di scoppio del 17%.

TRACTION CONTROL DI TERZA GENERAZIONE A livello di elettronica, la nuova Suzuki RM-Z 450 MY 2018 presenta degli aggiornamenti al suo sistema di partenza assistita (S-HAC), con una nuova mappatura che permette un controllo dell'acceleratore facilitato al fine di mantenere il motore nel regime di giri ottimale per un perfetto start dal cancello di partenza. Rivista anche la centralina elettronica (ECM), che permette un “data processing” più veloce dell'1,6% e un incremento della memoria del 2,5% rispetto alla prima generazione.

NUOVO TELAIO E SOSPENSIONI Ma ora passiamo a vedere le novità per la seconda dote importante nel motocross: curvare. Per far sì che la RM-Z 450 sia vincente sui campi gara, la Suzuki ha progettato il nuovo modello 2018 con un telaio rivisto nella rigidità e con un peso ridotto di 700 grammi, assieme a un inedito forcellone che migliora le performance in curva e la stabilità. Ma non è tutto, perchè anche le sospensioni sono state modificate: al posteriore troviamo l'inedito ammortizzatore Showa BFRC (Balance Free Rear Cushion), che incrementa equilibrio e stabilità, mentre all'anteriore le vecchie forcelle SFF-Air sono state sostituite con quelle a molle elicoidali, che consentono una maggiore risposta e un miglior feeling.

PAROLA CHIAVE: AGGRESSIVITÀ Mentre la novità di rilievo per l'arte della frenata sono dei dischi freno con diametro maggiorato (da 250mm a 270mm), a livello estetico la RM-Z 450 si distingue dalla precedente sia per il nuovo design del parafango (il cosiddetto Beak DNA), sia per i nuovi colori giallo-blu che richiamano la tradizione racing di Hamamatsu. Rivista anche la posizione di guida, molto più aggressiva come sui mezzi ufficiali del Mondiale MXGP. Completano l'opera i nuovi pneumatici Bridgestone Battlecross X30 in dimensioni 80/100-21 51M all'anteriore e 110/90-19 62M al posteriore.


TAGS: suzuki suzuki rm-z 450 suzuki 2017 suzuki rm-z suzuki rm-z 450 2018