Autore:
Massimo Grassi

TRIS DI DUKE Ad Eicma 2016 arrivano le nuove KTM Duke 125, 250 e 390: 3 modi di essere della nuda austriaca dedicati a chi non vuole (o non può, nel caso della 125) osare con cilindrate più potenti. Per tutte c’è comunque uno stile che richiama quello della 1290 Super Duke.

PER INIZIARE Partiamo con la KTM 125 Duke, ovvero quella per chi ha ancora 16 anni ma proprio non ne vuol sapere dello scooter. Il fanale anteriore riprende nelle forme quello della 1290, con linee più spigolose ed è ora arricchito da diodi led. Davanti al guidatore compare poi un nuovo monitor TFT a colori sul quale (optional) si possono visualizzare le tracce del player audio e il nome della persona che ci sta chiamando al telefono. Si notano poi dalle foto il nuovo telaio a traliccio con sottotelaio posteriore in alluminio e il diverso disegno del serbatoio, con capacità che passa da 11 a 13,4 litri. Il motore è lo stesso monocilindrico 4 tempi da 11 kW (15 cv) del model year 2016, ma ora rispetta le normative Euro 4. Non vi bastano le novità? E allora ecco il nuovo scarico laterale, la nuova forcella anteriore con steli da 43 mm firmata WP. Ultimo, ma non meno importante, il differente disegno della sella.

FORMA UGUALE, DIVERSA SOSTANZA Praticamente le stesse modifiche estetiche e tecniche si ritrovano anche a bordo della KTM 250 Duke: luce frontale ridisegnata ma senza diodi led, al suo posto c’è una classica luce alogena, e nuovo sottotelaio in alluminio. Il monocilindrico da 22 kW (30 cv) è anche lui Euro 4 e può contare sui 13,4 litri di benzina del nuovo serbatoio. In comune con la più piccola ci sono anche steli della forcella WP da 43 mm.

390 Le novità per le KTM Duke più piccole ad Eicma 2016 si chiudono con la 390. Qui le novità sono ancora più numerose: anche qui il look riprende quello della 1290 e il serbatoio può contenere fino a 13,4 litri di benzina. Il gruppo ottico anteriore è a led e si può contare su un nuovo monitor TFT per il sistema (opzionale) KTM MY RIDE. La forcella anteriore con steli da 43 mm è più leggera e grazie al nuovo disco freno anteriore da 320 mm (+20 rispetto al m.y 2015) sviluppato assieme a Brembo, la KTM 390 Duke può contare su una frenata (con ABS) ancora più incisiva. Il motore a iniezione elettronica con sistema ride by wire da 32 kW (44 cv) è anche lui omologato Euro 4. 


TAGS: ktm duke ktm eicma eicma 2016 novità eicma 2016 ktm eicma 2016 guida acquisto naked 300 cc