Autore:
Danilo Chissalè

CHE FESTA! Per festeggiare i 50 anni ci sono mille modi tristi: una pizza, una rimpatriata con gli amici, una partita di calcetto dal tasso atletico discutibile. Ci sono modi anche molto più cool, come quello scelto da Honda per festeggiare i 50 anni della gamma CB, che ha preparato 12 CB 1000 R e le ha portate a uno dei festival più stravaganti al mondo: il Wheels&Waves 2019 a Biarritz sulle coste francesi dell’Oceano Atlantico.

LE SPECIAL Le protagoniste sono state realizzate da customizzatori (e non solo) provenienti da Spagna, Svizzera, Francia e Italia. La base, ovviamente, è la Honda CB 1000 R che con il suo quattrocilindri in linea da 998 cc in grado di erogare 145 cv e il look vintage ben si differenzia dal resto delle naked ad alte prestazioni. I progetti sono tutti di sicuro impatto ma alcuni mi hanno convinto così tanto da analizzarli nello specifico e dedicargli una fotogallery per farveli apprezzare ancora di più.

CB O CRF Il gradino più alto del podio spetta senza dubbio ad una particolarissima CB 1000 R in crisi d’identità. Dalla Svizzera arriva la “CRF1000R Africa Four”, l’unione tra la potenza di una CB 1000 R e il look offroad di un’Africa Twin, ottenuto con cerchi color oro, forcella di una CRF450R e verniciatura tricolour HRC.

Honda CRF1000R w&w

ORGOGLIO ITALIANO Il resto del mio personale podio si completa con due proposte 100% Made in Italy. La prima è realizzata direttamente dalla filiale italiana di Honda, la Honda CB 1000 R Limited Edition. Costruita in soli 350 esemplari riservati al mercato Europeo – con una buona parte riservata al mercato italiano – la Limited Edition piace per la livrea tricolour, i dettagli in fibra di carbonio e lo scarico SC Project dedicato. Sempre in collaborazione con SC Project, ma progettata dalla concessionaria Moto Macchion di Legnano, la CB 1000 R dedicata a Dani Pedrosa, coraggioso pilota MotoGP che ha legato a doppio filo la sua carriera alla Casa dell’Ala Dorata. La special si caratterizza per la livrea Repsol (sponsor ufficiale del team HRC) e per lo scarico SC Project in stile RC213V.

LE ALTRE Appena giù dal podio, ma non per questo meno affascinanti, le altre realizzazioni. Simpaticissime le CB 1000 R Monkey Kong che riprendono le livree della pocket bike resa famosa da John Lennon, mentre punta tutto sull’aggressività la “CB1000Radical” realizzata da FuhrerMoto e Gannet Design con verniciatura camouflage by Walter Oberli e cerchi in fibra di carbonio della Rotobox.


TAGS: