Come scegliere la gomma giusta per la moto. Step 1: Power Pure
Guida pratica

Come scegliere la gomma giusta per la moto. Step 1: Power Pure


Avatar Redazionale , il 24/06/10

11 anni fa - Uso: 90% strada, 10% pista. Comfort su strada, grip sul bagnato

Uso: 90% strada, 10% pista. Pro: comfort, grip sul bagnato, durata chilometrica, maneggevolezza. Contro: in pista raggiunge presto il limite

Benvenuto nello Speciale COME SCEGLIERE LA GOMMA GIUSTA, composto da 3 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario COME SCEGLIERE LA GOMMA GIUSTA qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

DALLA STRADA ALLA PISTA Il Michelin Power Pure è il primo prodotto che proviamo, è con lui che partiamo da Milano per sciropparci i 350 km di strada che ci separano da Misano, distanza che, per non farci mancare niente, suddividiamo tra autostrada e statali. Fa parte del segmento degli pneumatici sportivi stradali e, come si evince abbastanza chiaramente dalla scheda, nasce per un utilizzo principalmente stradale ma consente, volendo, di farsi anche un turno in pista senza però pretendere prestazioni da superpole.

COPIA TUTTO Durante il trasferimento stradale non si può non notare che il comfort offerto da questa tipologia di pneumatico è molto valido, il Power Pure assorbe bene i colpi e le asperità dell'asfalto, ha un'ottima direzionalità e offre sempre un buon feeling su quanto accade nell'interfaccia ruota/asfalto, anche quando il fondo non è perfetto. Su strada, gomme come queste offrono già un surplus di aderenza in ogni situazione, con il vantaggio che quando piove non si viaggia a chiappe strette perché la silice contenuta nella mescola e gli intagli consentono ottimi livelli di grip in ogni situazione, anche quando l'asfalto è freddo. I vantaggi sono rappresentati da un tempo di warm-up limitato e da un grip adeguato anche a temperature basse. La pista non è la sua casa ed è logico che non si debbano pretendere prestazioni esagerate, anche se con questo prodotto ci si riesce benissimo a divertire.

PRESSIONI Prima di entrare in pista adattiamo la pressione all'utilizzo più sportivo ma, sfatando la prima leggenda metropolitana, vi diciamo subito che non è vero che per andare in pista qualsiasi pneumatico va abbassato di pressione (i fatidici 1.9/2.1 bar) perché per prodotti stradali come il Power Pure è sempre meglio stare su pressioni più alte. Il motivo? Presto detto: il sostegno di un pneumatico è la somma di due componenti, quella meccanica (data dalla carcassa) e quella pneumatica (data dalla pressione).

VEDI ANCHE



MEGLIO ALTA CHE BASSA In un prodotto stradale come il Power Pure, per esempio, la carcassa deve restare morbida per offrire il giusto funzionamento su strada, logico quindi che scendere troppo con la pressione possa portare più problemi che vantaggi con gomme che "si muovono" troppo una volta messe sotto stress. Per il Pure, in pista, Michelin raccomanda pressioni di 2.5 bar all'anteriore (ovvero uguale a quella stradale) mentre al posteriore si può scendere fino a 2.1 bar, non meno. Con queste pressioni entriamo in pista per la nostra sessione.

AGILITÀ SUPER Si nota subito la grande maneggevolezza della moto; queste gomme sono realmente leggere e tolgono kg preziosi in un punto critico come l'esterno della ruota. La S1000RR ringrazia e si muove veloce nei cambi di direzione, è stabile in frenata mentre in accelerazione il posteriore "muove" sotto la spinta dei 193 cv, chiamando in causa spesso il controllo di trazione nonostante abbia mantenuto la mappa "sport", che eroga la potenza in modo più dolce. La carcassa tendenzialmente morbida del Power Pure anteriore non dà problemi ma invoglia a una guida più rotonda che aggressiva.

MEGLIO TONDI CHE CATTIVI Soprattutto quando s'insiste con i freni nell'ingresso curva, forzando oltremodo la staccata, l'anteriore "muove" un po' e si perde parte della precisione di guida. Reazioni da mettere in conto quando si utilizza un prodotto non specifico per la pista come questo, così come è da mettere in conto che quando fa molto caldo il grip possa diminuire perché le mescole non sono studiate per reggere temperature estreme.

AVVISANO PER TEMPO In ogni caso il vantaggio della gomma sportiva stradale è anche quello di comunicare con ampio anticipo il sopraggiungere del suo limite. Tutti questi "movimenti" avvisano il pilota che è meglio non esagerare molto prima che il limite vero e proprio arrivi sul serio. Insomma, pneumatici come questi stanno sempre "dalla parte della ragione". Poi sta a noi essere capaci di interpretare i loro segnali. Di contro, l'usura è molto limitata e una volta finiti i turni le condizioni delle gomme sono ancora ottime. Ci si torna a casa e si usano ancora per mesi.


Pubblicato da La Redazione, 24/06/2010
Gallery
Come scegliere la gomma giusta
Logo MotorBox