Autore:
Luca Cereda
Pubblicato il 12/10/2014 ore 16:49

TROIS, DEUX, UN… Il Salone di Parigi si avvicina. Giovedì 2 ottobre si apriranno i cancelli del Mondial de l’Automobile con il reveal in anteprima per la stampa delle più importanti novità automobilistiche dei prossimi mesi. Come a ogni edizione, Motorbox sarà presente e attivo dalla Ville Lumière per raccontarvi la kermesse – già ampiamente anticipata dai contenuti di questo speciale – dal vivo. Documentando la fiera stand per stand con video, foto e articoli di approfondimento. Il punto di riferimento, per tutti i lettori, sarà ovviamente la nostra homepage e in particolare questo speciale, in aggiornamento costante, anteprima dopo anteprima. Ma c’è anche un modo due-punto-zero per seguire con Motorbox il Salone di Parigi 2014, attraverso i nostri profili social: la pagina Facebook ufficiale del sito e Instagram (@motorboxcom).

TAGLIA MEDIA Si va verso un Salone di Parigi senza fuochi d’artificio (almeno nei segmenti dal maggior volume di mercato) ma comunque ricco di novità. E con un certo equilibrio, nelle novità, tra auto di serie e concept. Grandi assenti, in questa tornata, le segmento “C “, intese come compatte medie (se si eccettua la pepata 308 GT). Ma se la “C” diventa l’iniziale di “Crossover” il discorso cambia radicalmente: saranno loro ad animare la fiera, tra new entry pronte ad andare in vetrina a breve, come la Fiat 500X, la Land Rover Discovery Sport e la Suzuki Vitara e interessanti prototipi, alias Peugeot Quartz, Toyota C-HR, Honda HR-V. Alcuni dei quali già ben avviati verso la catena di montaggio.

I RITORNI A Parigi sfileranno anche le nuove Smart ForTwo e ForFour, che abbiamo già avuto modo di incontrare da tempo e quasi quasi ce ne dimenticavamo. Per la prima volta avvicineremo invece le nuove Opel Corsa, Mazda2, Skoda Fabia e Hyundai i20, outsider di spicco tra le utilitarie. Le nuove Volvo XC 90, Mazda MX-5 e Renault Espace sono auto diversissime ma tutte segnano graditi ritorni: profondamente rinnovate e rilanciate con legittime ambizioni.

AH, ECO! Potevano mancare le auto ecologiche? Certo che no. E anche se ibrido e elettrico sono diventati ingredienti universali, a sintonizzare le coscienze automobilistiche sul verde ci pensano i padroni di casa, Renault, Citroën e Peugeot, rispettivamente con le concept Eolab, C4 Airflow 2L, 208 Hybrid Air 2L. Tre diverse interpretazioni di una missione comune: realizzare il sogno dell’auto da 100 chilometri con un litro di carburante. O quantomeno avvicinarsi.   

NON SI VIVE DI SOLA ARIA (PULITA) All’estremo opposto restano vive le sportive, presenti al Mondial in diverse sfaccettature, per la gioia dei puristi. Quelli di nicchia, ingolositi dalla nuova Honda Civic Type R, come anche gli amanti del classico, chiamati a scoprire la XE, la nuova Jaguar entry-level. Un concetto totalmente estraneo alla Mercedes AMG GT, che con i suoi cinquecento e rotti cavalli nella versione più “hot” andrà a listino con prezzi a tre cifre.


TAGS: salone di parigi 2014 mondial de l'automobile 2014