Pubblicato il 08/04/20

UN PASSO AVANTI VERSO L'IBRIDO Il WRC ha nominato Compact Dynamics fornitore unico dei componenti ibridi per la prossima generazione di vetture del mondiale rally. I team possono ora iniziare a lavorare a stretto contatto con l'azienda tedesca per la progettazione della parte ibrida delle auto e i primi test sono previsti all'inizio del prossimo anno. I motori ibridi faranno poi il loro debutto ufficiale a partire dal 2022.

SFRUTTARE IL MOMENTO Con il campionato fermo a causa della pandemia di coronavirus, i team possono approfittarne per dedicarsi completamente alla rivoluzione attesa tra due anni. Tom Fowler, direttore tecnico di Toyota Gazoo Racing, ha accolto positivamente l'accordo: ''La decisione presa è positiva. In questo momento possiamo fare qualcosa di proattivo in ottica 2022. In questo modo, ci si sente più a proprio agio per lavorare in questa direzione''. Rich Millener, team principal di Ford M-Sport, ha voluto sottolineare la cooperazione tra le diverse squadre: ''La cosa davvero positiva è che tutti i team stanno lavorando insieme. Stiamo andando tutti nella stessa direzione. Una volta usciti dall'emergenza coronavirus, torneremo a divere il tempo tra la gestione quotidiana della squadra e il lavoro sull'auto del 2022. Ma in questo momento, non abbiamo bisogno di dividere le risorse e dobbiamo concetrarci sulle nuove vetture''.

ACCORDO TRIENNALE La FIA ha raggiunto un accordo con Compact Dynamics valido per tre stagioni, dal 2022 al 2024. La società tedesca è un'eccellenza nel settore, fornendo componenti anche nei campionati di F1, WEC e Formula E


TAGS: wrc motore ibrido 2022