BUON TEST Un 12° e un 15° posto finale, questo l'ottimo risultato complessivo di Andrea Dovizioso, che quasi per gioco si è cimentato lo scorso fine settimana al volante di una potentissima Audi RS5 impegnato nella tappa italiana del DTM, il campionato Turismo tedesco. Il pilota della Ducati ha mostrato concreti progressi tra la prima e la seconda giornata in pista, riuscendo a ben figurare su un tracciato che conosce a menadito. 

TESTACODA Nelle prime fasi di gara-2 il Dovi si è anche ritrovato nella top ten, poi persa dopo la girandola dei pit-stop, e al termine della sua esperienza ha dichiarato di non escludere un futuro nel mondo delle quattro ruote. Partito con il numero 34 stampato sul cofano, Dovizioso ha mostrato un passo gara costante, ed era arrivato a lottare con Von Habsgurg per la 11° piazza nel finale, quando si è scomposto ed è andato in testacoda alla curva del Carro. Gara compromessa per il forlivese che si è dovuto accontentare della 15° piazza finale.

USCITA BRUSCA Rientrato ai box, Dovizioso ha commentato: "La prestazione c'è stata a tratti: riuscire a fare tutto lo stint come loro è difficile. Volevo provare a ripassare l'avversario che mi aveva superato, ero in bagarre. Volevo usare il drs e più potenza, non avevo altre idee, ma la gomma dietro è calata un po' troppo. Ero al limite con il grip, la reazione della macchina in uscita dal Carro è stata un po' troppo brusca ed è andata come è andata."

FUTURO A 4 RUOTE Parlando del bilancio in generale della sua esperienza nel DTM, possibile grazie all'appartenenza di Ducati e Audi allo stesso gruppo aziendale, Andrea ha aggiunto: "È stato bello conoscere nuove persone, nuovi ingegneri che ti fanno scoprire un mondo tutto nuovo. A Barcellona mi porto dietro questo, ma non ho idee sul futuro. Ora sono totalmente focalizzato nel vincere il mondiale con Ducati, un domani chissà."


TAGS: motogp audi rs5 andrea dovizioso dtm Dovizioso DTM