LA COMPETIZIONE La sfida: coprire la maggior distanza possibile con il minor consumo di energia. Si tratta della Shell Eco-marathon, la corsa green che da 33 anni incoraggia gli studenti di licei e università a ideare e costruire veicoli ad alta efficienza energetica. Alla 34° edizione della competizione, che si terrà a Londra a inizio luglio, saranno ben 6 i team italiani presenti ai nastri di partenza.

I TEAM IN GARA Nell’edizione 2017 la punta del podio era andata al veicolo “Escorpio Evo 2”, del team Zero C dell’Istituto tecnico industriale Leonardo da Vinci di Carpi (MO) seguita al secondo posto dal veicolo “IDRAkronos” del Politecnico di Torino. Nell’edizione di quest’anno iteam italiani provenienti da Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte si contenderanno una posizione nelle categorie Urban Concept e Prototipi con 3 veicoli nella prima categoria e 3 nella seconda:

 

URBAN CONCEPT

FAENZAitiRACING dell’ITIP L. Bucci di Faenza ha realizzato un veicolo a gasolio (Diesel)

H2politO - Molecules going hybrid del Politecnico di Torino con un veicolo a bioetanolo di seconda generazione

Mecc-E del Politecnico di Milano con un veicolo a batteria elettrica

 

PROTOTIPI

FAENZAnaftaRACING dell’ITIP L. Bucci di Faenza con un veicolo a batteria elettrica

H2politO - Molecole da corsa del Politecnico di Torino con un veicolo a idrogeno

Team Zero C dell’ITIS Leonardo da Vinci di Carpi con un veicolo a batteria elettrica.


TAGS: londra shell shell eco-marathon corsa auto corsa eco