Pubblicato il 16/07/2018 ore 17:09

BABY ON BOARD! Tecnologia al servizio della sicurezza. Quella, nel caso specifico, dei propri figlioli. Allo scopo di scongiurare il fenomeno dei bimbi dimenticati in auto, negligenza ancor più grave in presenza di temperature elevate, il Governo potrebbe presto rendere obbligatorio un dispositivo da applicare al seggiolino di bordo. Lo annuncia il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli: l'esecutivo presenterà un apposito ddl per mettere mano al Codice della Strada. Dispositivo anti-abbandono, ma non solo. Le modifiche, aggiunge Toninelli, dovrebbero trasformarsi in legge entro l'autunno.

ALLARME BIMBO Tecnicamente, il dispositivo consisterebbe in un sensore in grado di rilevare la presenza di un bimbo a bordo dopo che l'auto è stata chiusa. Il sistema trasmetterebbe il messaggio di allerta alla chiave dell'auto, oppure direttamente allo smartphone del genitore/accompagnatore. Negli Usa è tra l'altro già in vigore una funzione del tutto simile. Da Toninelli, ancora nessuna conferma sul fornitore del device, il cui costo dovrebbe in ogni caso aggirarsi attorno ai 100 euro, sui quali lo Stato applicherebbe l'Iva agevolata, o qualche altra forma di contributo.

PREQUEL In realtà, In Parlamento giace già un disegno di legge che prevede proprio l'obbligatorietà di un dispositivo di allarme anti-abbandono per seggiolini auto. La proposta, formulata a inizio luglio insieme a quella di pene più severe per chi utilizza lo smartphone alla guida (e all'aumento delle distanze di sicurezza per le biciclette), porta la firma del senatore Riccardo Nencini, vicepresidente del gruppo misto ed ex viceministro alle Infrastrutture.


TAGS: bimbi a bordo codice della strada sicurezza stradale seggiolini auto bimbi dimenticati in auto