Pedaggi autostrade, dal 1° gennaio 2020 niente aumenti tariffe
Legge di bilancio 2020

Pedaggi autostrade, rincari sì o no? Cosa accadrà nel 2020


Avatar di Lorenzo Centenari , il 23/12/19

1 anno fa - Il decreto Milleproroghe scongiura gli aumenti. Almeno fino a giugno...

Il decreto Milleproroghe scongiura gli aumenti automatici. Almeno fino al 30 giugno. E se invece il pedaggio diventasse meno caro?

MILLENNIUM BUG Allo scoccare della mezzanotte, niente scatti del tassametro. Il 1° gennaio del 2020 il caro prezzi escluderà il pedaggio autostradale, come effetto della norma contenuta nel decreto Milleproroghe approvata ''salvo intese'' dal Governo. Niente aumenti, ma è un rinvio. Se ne riparla il 31 marzo prossimo, scadenza entro la quale le società che hanno in appalto la gestione della rete sono chiamate a presentare il nuovo piano economico finanziario al ministero dei Trasporti. Sarà allora, che verranno formulati i piani tariffari per il secondo semestre dell'anno: da decreto, gli adeguamenti scatteranno infatti il 30 giugno 2020. Ma in quale direzione andranno?

Autostrade, niente aumento pedaggi. Per ora... Autostrade, niente aumento pedaggi. Per ora...

VEDI ANCHE



REVOCA DELLA LICENZA Attualmente, le concessionarie autostradali i cui Pef sono scaduti ammontano a un totale di 16 compagnie, fra le quali la maggiore in assoluto (Autostrade per l'Italia), ma anche altre società di rilevanza primaria come Autostrada dei Fiori e Strada dei Parchi. Il Governo minaccia la revoca delle concessioni e il passaggio della gestione ad Anas, quindi sotto un più stretto controllo statale (Anas resta pur sempre azienda di diritto pubblico). Tre mesi di tempo, quindi, per adeguarsi a un nuovo modello tariffario in base al quale (tra le altre cose) gli utili verranno necessariamente reinvestiti in manutenzione delle infrastrutture. Un nuovo listino prezzi il quale, secondo i 5 Stelle, comporterà pedaggi anche inferiori rispetto a quelli attuali. Sarebbe un precedente storico.

LA REAZIONE DI AUTOSTRADE Nel frattempo, Aspi prende atto del decreto ma esprime tutte le perplessità di una decisione che considera unilaterale e anticostituzionale. ''La società - si legge in una nota - sta valutando ogni iniziativa volta a tutelare i diritti della stessa in termini di legittimità costituzionale e comunitaria delle disposizioni normative in merito ai principi di affidamento, di libertà di stabilimento e di concorrenza, di proporzionalità e di ragionevolezza. Già nel 2006 la Commissione Europea ha sancito che i contratti di concessione non sono modificabili in modo unilaterale, in forza dei principi della certezza del diritto e del legittimo affidamento''. Spirano venti di guerra.


Pubblicato da Lorenzo Centenari, 23/12/2019

Vedi anche
Logo MotorBox