Pubblicato il 30/03/20

SPECCHIO, SPECCHIO DELLE MIE BRAME Le fanciulle già sistemano pettinatura e trucco dal display del cellulare. A poco a poco, lo specchio del bagno sarà quasi inutile. Analogamente, monitoreremo il traffico alle nostre spalle da una videocamera anziché dal classico specchio retrovisore. La cosiddetta MirrorCam verrà un bel giorno sdoganata anche nel campo auto, tuttavia alcuni veicoli industriali come Mercedes Actros già hanno fatto il grande salto. Telecamere sul telaio del tetto, display sopra i montanti: il nuovo Actros si riconosce subito. In attesa del contagio al mondo delle autovetture (numerose, comunque, le soluzioni sperimentali): come funziona lo specchio digitale? Quali i vantaggi rispetto al comune specchietto? Uno ''sguardo'' sul futuro.

MIRRORCAM, COSA CAMBIA? 

Grazie alle MirrorCam, il conducente ha innanzitutto una visuale libera proprio là dove gli specchietti grandangolari prima coprivano ampie aree a destra e a sinistra del montante. Un vantaggio soprattutto negli incroci, nelle manovre e nelle curve strette. In ambito truck: gli specchietti fisici sono inoltre montati in posizione fissa, e in curva il conducente può perdere di vista la fine del semirimorchio. Al contrario, le MirrorCam orientano l'immagine della telecamera verso l'interno della curva. In linea di principio, il sistema è impostato per i semirimorchi standard, ma la rotazione può essere regolata individualmente.

MirrorCam Mercedes, visibilità e altri vantaggi

QUALI VANTAGGI IN TERMINI DI CONSUMI?

Grazie all'utilizzo delle MirrorCam, l'aerodinamica e la resistenza al vento sono notevolmente ottimizzate. Il risparmio di carburante può raggiungere una quota dell'1,5%.

IN CASO DI PIOGGIA E DI SPORCO

Vetri a specchio appannati o sporchi e finestrini laterali sono sempre stati un problema. Grazie alla posizione delle telecamere in alto sul veicolo, al piccolo tetto sopra l'obiettivo della telecamera, inoltre a uno speciale rivestimento e alla trasmissione digitale dell'immagine a un display in cabina, l'appannamento e la sporcizia non influiscono affatto sul sistema. Ciò è particolarmente utile nelle giornate fredde e umide: a temperature inferiori ai 15 gradi, la telecamera in dote al Mercedes Actros viene ad esempio riscaldata automaticamente.

LE LINEE DI INDICAZIONE DELLA DISTANZA

Le linee di indicazione della distanza che vengono visualizzate sul display del sistema MirrorCam aiutano i conducenti a stimare le distanze dietro di essi. Tre linee fisse sono mostrate insieme ad una linea che il conducente può regolare con precisione per segnare la fine del veicolo prima di iniziare un viaggio. Usato in combinazione con le informazioni visualizzate sui display dai sistemi di assistenza, il conducente di un camion (ma ipoteticamente, anche di un'auto) può ora valutare meglio quando c'è una distanza sufficiente per spostarsi a sinistra, e quando rientrare di nuovo a destra in tutta sicurezza.

MirrorCam, a quando le automobili?

MIRRORCAM AL CREPUSCOLO E DI NOTTE

In situazioni di luce residua, le MirrorCam hanno addirittura un vantaggio. La trasmissione della luce delle telecamere è elevata, e i display mostrano un'immagine molto più luminosa della luce naturale. Inoltre la luminosità è regolata in modo continuo in base alle condizioni di luce prevalenti, sia sulla strada aperta, sia nelle gallerie. Se fuori è completamente buio, le MirrorCam possono mostrare solo le aree illuminate dal veicolo stesso, proprio come uno specchio convenzionale.

REGOLARE LA LUMINOSITÀ DEI DISPLAY

Per le diverse percezioni, le condizioni meteorologiche e le ore del giorno, c'è sempre una buona ragione per regolare la luminosità. Ciò avviene semplicemente tramite un display touchscreen o il volante multifunzione. Se necessario, la luminosità del display destro e sinistro può essere regolata in modo diverso, sempre tramite un regolatore a slitta virtuale.

QUANDO L'IMMAGINE NON È CHIARA

Molti display degli smartphone moderni mostrano un rapporto pixel per pollice che spesso va oltre la potenza di risoluzione dell'occhio umano stesso. Il dispositivo è inoltre in mano all'utente: la distanza dall'occhio è molto ridotta. I display MirrorCam sono invece molto più distanti, e maggiore è la distanza, minore è il numero di dettagli che l'occhio può distinguere. Pertanto, un numero di pixel simile a quello di uno smartphone non è affatto necessario.

I PERICOLI DI UNA REGOLAZIONE ERRATA

Per gli specchi convenzionali, vale la fisica semplice: ''l'angolo di incidenza equivale all'angolo di riflessione''. Ciò significa che ogni volta che i conducenti cambiano la loro posizione di seduta, cambia anche l'area che possono vedere. Per le MirrorCam questo è radicalmente diverso: grazie alla combinazione di telecamera e schermo, il conducente vede infatti sempre la stessa immagine, qualunque sia la sua posizione. 

MIRRORCAM E OCCHIALI DA VISTA (E DA SOLE)

Chiunque porti gli occhiali leggerà facilmente anche i display delle MirrorCam. Le persone con vista deficitaria potranno semmai registrare qualche difficoltà ad abituarsi al nuovo angolo di visione e alle nuove distanze. Lo stesso dicasi per gli occhiali da sole: normalmente non sono un problema, anche se molto dipende dalla qualità degli occhiali stessi.


TAGS: mercedes actros auto senza specchietti mirrorcam specchietto digitale