Pubblicato il 20/04/20

COME SAPERE A CHI È INTESTATA UN'AUTO

''Prendigli la targa!'', urla l'amico che ha assistito all'episodio. In manovra, un automobilista poco attento urta il vostro veicolo fermo in sosta, e il caso vuole che voi foste a pochi metri, forse proprio nell'azione di raggiungere la macchina. Preso dal panico, oppure ignaro del danno causato, l'automobilista prende il largo come se nulla fosse. Scene quotidiane di mini-pirateria stradale, per tutelarsi dalle quali, un modo c'è e comincia proprio dalla prassi di segnarsi, se possibile, la targa. Dal codice di immatricolazione, si potrà poi risalire all'identità della persona. Come? Ecco un breviario.

COME RINTRACCIARE IL PROPRIETARIO

Individuare il proprietario di veicolo conoscendone soltanto la targa è innanzitutto un'operazione possibile per qualunque cittadino, inoltre è del tutto legale. L'unica fonte ufficiale è il Pubblico Registro Automobilistico (PRA), cioè l'ufficio gestito dall'ACI che tiene traccia di tutte le iscrizioni, le trascrizioni e le annotazioni relative agli autoveicoli, ai motoveicoli e ai rimorchi, in quanto ''beni mobili registrati'' secondo le norme previste dal Codice Civile. Il servizio è previsto dalla legge, in quanto il PRA è un registro pubblico, inoltre ogni richiesta verrà svolta in forma anonima per la tutela della privacy. Ci si può rivolgere a qualsiasi agenzia di pratiche auto oppure, ancora più comodamente, si può accedere alla visura di una determinata auto approfittando dei servizi online messi a disposizione dall'Automobile Club Italia.  

QUANTO COSTA IL SERVIZIO 

Attraverso il PRA, è dunque possibile in pochi passi risalire all'identità del proprietario di un veicolo. Il servizio tuttavia non è gratuito: il costo per l'accesso ad una singola visura è di 6 euro, ai quali vanno sommati altri 2,32 euro + IVA per i costi della pratica, per un totale di 8,83 euro. Scegliendo il canale web, la transazione con carta di credito o carta prepagata verrà presa in carico da PagoPA, lo strumento universale per tutti i pagamenti in forma elettronica alla Pubblica Amministrazione. Nota bene: se l'auto è a noleggio o in leasing, il PRA avrà registrato solo i dati della società direttamente proprietaria, e non del titolare del contratto di noleggio.

Come risalire al proprietario di una targa tramite i canali online

ALTERNATIVE GRATIS?

Al di fuori del PRA, non esistono in realtà altre organizzazioni alle quali rivolgersi per conoscere direttamente i dati anagrafici del proprietario di un'auto, né tantomeno sistemi gratuiti. Qualunque portale nel quale capitiate dopo aver interrogato un motore di ricerca, si avvarrà dei dati del Pubblico Registro, e per la prestazione offerta, chiederà all'utente un corrispettivo in denaro. Esistono semmai strumenti gratuiti, vedi il sito web dell'Agenzia delle Entrate o quello dell'ACI stessa, che erogano servizi come il pagamento online del bollo auto e dai quali risalire, inserendo la targa, ad altre informazioni come marca, modello, cilindrata e anno di immatricolazione. Ma non nome e cognome del proprietario. 

SCAPPARE DOPO INCIDENTE: REATO OPPURE NO?

Abbiamo citato un caso classico di ''sboccia e fuggi'', ma le ragioni per le quali sorge la necessità di risalire all'identità del proprietario di un'auto sono molteplici. A scanso di equivoci: secondo il Codice della Strada è obbligo di ogni automobilista, dopo un incidente stradale, comunicare i propri dati personali, quelli della patente di guida e della polizza RC Auto. Tuttavia, non sempre l’omissione costituisce reato. Lo è solo se il sinistro provoca feriti. Se invece i danni riguardano solo il veicolo, chi non si ferma commette un semplice illecito amministrativo, punito con relativa sanzione amministrativa (cioè una multa) da 294 a 1.174 euro.


TAGS: guide pratiche documenti auto pra targa auto