News

Mercedes Classe A my 2001


Avatar Redazionale , il 01/08/01

20 anni fa -

Compiuto il terzo anno di vita (e raggiunta la ragguardevole quota di 550mila esemplari venduti) la piccola di casa Mercedes si sottopone a un leggeromaquillage per apparire più giovane e per competere con ritrovato vigore conla più recente rivale tedesca, l' Audi A2. Solo l’occhio più attento sapràperò riconoscere al primo sguardo la seconda generazione della piccola stelladi Stoccarda che, esternamente, mette in bella vista solo una farcitura dibordini di plastica nera (sono in tinta con la carrozzeria solo sulle versionipiù chic), mentre sotto la pelle nasconde una più ricca dotazione di sicurezzae motori turbodiesel rinvigoriti.

Debutterà con il primo sole di primavera la seconda generazione della piùcompatta delle Mercedes.

Oltre che dai profili in plastica inseriti neifascioni e nelle porte, si distinguerà per la nuova mascherina del radiatore (conquattro listelli anziché tre), per lo spoiler anteriore con una feritoia piùlarga, per schiacciare di più il muso a terra, e per quello posteriore dall’aspettopiù muscoloso. Differenti anche fari e fanali, con una copertura in vetrotrasparente i primi e con colori più brillanti i secondi.

Se i ritocchi alla carrozzeria non sono radicali stravolgimenti ma sempliciaggiornamenti per dare più forza all’aspetto che in Italia ha fatto tantapresa sulle signore bene, l’abitacolo della Classe A è stato reso piùaccogliente e sofisticato grazie al riposizionamento di alcuni comandi nellaplancia. Quest'ultima dispone ora di inserti a effetto metallizzato (alluminio olegno a seconda delle versioni) e plastiche della stessa levatura di quelledella Classe S, sicuramente più degne del blasone di Stoccarda rispetto aquelle utilizzate attualmente. Migliore dovrebbe essere anche la qualità deirivestimenti, compreso quello del tunnel centrale in moquette.

Ma gli interventi più importanti sono nascosti sotto la pelle. Nonpaga del controllo della stabilità di serie (servito per archiviare losgambetto dell’alce) e per prendersi qualche metro di vantaggio sullaconcorrente di Ingolstadt, la Classe A adotta anche il sistema Brake Assist,una sorta di piede intelligente che aiuta a schiacciare il pedale del freno neimomenti di emergenza, dando alla pompa la massima potenza per abbreviare glispazi di arresto. La piccola Mercedes è la prima auto di questa della categoriaa esserne dotata di serie.

I rinforzi riguardo alla sicurezza non finiscono comunque qui. In aggiuntaai sidebag di serie, la Classe A offrirà, come accessori a pagamento, anche iwindowbag: si tratta di grossi cuscini a tenda, lunghi un metro e larghi 12centimetri, che si aprono dal montante anteriore a quello posteriore eproteggono la testa di tutti gli occupanti. Lasciato alle spalle il passato datimorata delle curve, la piccola Mercedes arriverà ora a competere perguadagnarsi la palma di compatta più attenta alla salvaguardia dei suoipasseggeri.

La gamma dei motori resta invariata. Salvo alcune modifiche ai dueturbodiesel con tecnologia common rail: il 1.6 CDI guadagna 15 cv (e passacosì da 60 a 75 cv, gli stessi della A2 1.4 TDI ) ha una maggiore coppiamotrice ma come il suo predecessore percorre 20,8 chilometri con un litro digasolio. Stessa sorte per il fratello maggiore 1.7 CDI che guadagna 5 cv (da 90a 95) e assicura anch’esso percorrenze da record: in media 20,4 chilometri conun litro.

Quanto ai prezzi, non è ancora dato di sapere quale sarà l’effettodell’upgrading nella dotazione sul listino della Classe A. La gamma saràancora composta dagli allestimenti Classic, Elegance e Avantagarde.

Le novità riguardo la piccola Mercedes non finiscono comunquequi. A Ginevra, dove la nuova compatta verrà svelata al pubblico, saràtolto il velo anche a una versione allungata della Classe A. Grazie a unaumento del passo di 18 centimetri rispetto all'attuale modello, la versioneallungata sarà in grado di garantire maggiore spazio ai passeggeri posteriori.Entro il 2001 sarà anche la volta della Vaneo, variante MPV della piccolastella, che dovrebbe misurare circa 4,20 metri e disporre di un abitacolomodulare capace di accogliere fino a sette passeggeri.

David Giudici
29 gennaio 2001


Pubblicato da Redazione, 01/08/2001
Logo MotorBox