Pubblicato il 02/11/20

Addio Gigi Proietti

Muore proprio nel giorno del suo ottantesimo compleanno Gigi Proietti: icona della città di Roma e del cinema italiano, di cui rappresentava forse l'ultimo mattatore, l'ultimo di una stirpe di attori ''come non se ne fanno più''. Comico ma anche drammatico, leggero ma anche profondo, legato al cinema d'autore ma anche a quello più popolare, sono tanti i ruoli per cui resterà per sempre nella memoria collettiva: il Brancaleone di Monicelli, Casotto di Sergio Citti, La proprietà non è più un furto di Elio Petri, il Mandrake di Febbre da cavallo, ma anche il maresciallo Rocca.

ATTRAVERSO I MIEI OCCHI A MotorBox però fa piacere ricordarlo anche per un ruolo sicuramente minore, di nicchia, ma non per questo affrontato con meno impegno. Si tratta del doppiaggio di un cane (di nome Enzo, ovviamente in onore di Enzo Ferrari), che nell'originale americano aveva la voce di Kevin Costner: il film è Attraverso i miei occhi (Simon Curtis, 2019), in inglese The art of racing in the rain, titolo originale che ci fa capire più esplicitamente il legame tra il film e il mondo delle corse automobilistiche. 

IL FILM La storia è quella del golden retrivier Enzo, che fin da cucciolo ha seguito il suo padrone Denny Swift (interpretato da Milo Ventimiglia) nel mondo delle corse accompagnandolo in ogni passo. Il film è l’adattamento cinematografico del libro The Art of Racing In the Rain, bestseller di Garth Stein pubblicato anche in Italia dalle edizioni Piemme con il titolo L’arte di correre sotto la pioggia. Nel film il protagonista Milo Ventimiglia guida bolidi come una BMW E9 Coupe, una M4 GT4, una Porsche 911 GT3 R, e una splendida Ferrari 250 Testarossa, una delle auto più costose del mondo. Il produttore del film, che ha comprato i diritti dopo essersi innamorato del libro, è il famoso attore Patrick Dempsey (Grey's Anatomy), notoriamente un grande appassionato di motori.


TAGS: cinema gigi proietti mattatore