CROSSOVER DA CORSA Dopo i primi dettagli sul restyling 2020 del popolare crossover compatto, Toyota ha svelato anche la versione C-HR GR Sport, sviluppata da Toyota Gazoo Racing e prevista, per il momento, solo per il mercato del Sol Levante. Le principali novità della versione “normale” troveranno posto anche sulla GR Sport, dal design rinnovato di fari e paraurti al nuovo sistema di infotainment.

MUSCOLI BENE IN VISTA Come le versioni incattivite degli altri modelli di Toyota, anche il C-HR GR Sport metterà in mostra i muscoli fin da subito, a cominciare dall’aggressivo paraurti anteriore: la vettura è attraversata quasi per intero da un’enorme presa d’aria con una barra centrale a cui è attaccata la targa e il logo di Toyota Gazoo Racing. Diversa anche la posizione dei fendinebbia circolari, disposti più in basso, accanto a due sottili feritoie per il raffreddamento dei freni. Esclusivi per questa versione i cerchi in lega bicolore da 19” su cui sono montate gomme 225/45. Undici le colorazioni disponibili per il CH-R GR Sport, tra cui cinque in abbinamento con il tetto nero.

L'aggressivo frontale del C-HR GR Sport

ANIMA CORSAIOLA All’interno la caratterizzazione è ugualmente evidente: il volante è di dimensioni più piccole, con il logo GR inserito nella parte bassa; i sedili sono sportivi e avvolgenti, con doppie cuciture color argento, la pedaliera in alluminio. Il CH-R GR Sport monterà lo stesso cambio manuale a sei marce iMT (intelligent manual transmission) della versione normale; invariato anche il sistema di infotainment, con il nuovo display multimediale. Le modifiche più rilevanti della GR Sport sono però legate al comportamento stradale, a cominciare da una barra centrale posta sotto il pavimento per aumentare la rigidità del corpo vettura. Gazoo Racing ha anche modificato le sospensioni intervenendo su molle e stabilizzatori, e ha migliorato la risposta della scatola sterzo

Gli interni del C-HR GR SportI MOTORI Per quanto riguarda i motori, il modello d’attacco del Toyota C-HR GR Sport sfrutta la medesima motorizzazione 1.2 turbo del C-HR normale, sia in trazione anteriore che integrale, con cambio manuale o automatico Super CVT-i, ma è disponibile anche con il 1.8 ibrido THS II. Toyota non ha parlato di aumenti di potenza per le diverse cilindrate, ma dal suo reparto corse possiamo sicuramente aspettarci qualche bella sorpresa.

QUANDO LO POSSO GUIDARE? Per il momento, come dicevamo all’inizio, il CH-R Sport è disponibile da oggi, ma solo sul mercato giapponese. A noi europei però le macchine sportive piacciono sempre, e Toyota lo sa bene. Incrociamo le dita!


TAGS: crossover toyota c-hr toyota gazoo racing toyota c-hr 2020