Autore:
Matteo Gallucci

TUTTA NUOVA Squadra che vince si cambia. Dopo 1,2 milioni di unità vendute dal debutto nel 2013 è tempo di rinnovamento per la best seller in Europa del segmento dei B-SUV. Di chi vi sto parlando? Della nuova Renault Captur 2019, ovviamente, che si evolve e passa da linee gentili da crossover a quelle più aggressive e dinamiche da SUV urbano per diventare un modello ancora più globale e conquistare anche lo strategico mercato cinese.

FUORI COM’È La nuova Captur è più lunga, più larga e calza cerchi più grandi con un’aerodinamica studiata per il tetto che ha ora le barre porta tutto. Le proporzioni sono da vero SUV: adesso misura in lunghezza 4,23 metri, è larga quasi 1,8 metri con cerchi che raggiungono i 18 pollici e un passo maggiorato a 2,63 metri (+3,3 cm). Il frontale è caratterizzato dalla nuova firma luminosa Renault a C per i fari a LED e grandi prese d’aria per il paraurti anteriore. Le linee sono più tese per il laterale dove sono nascoste le maniglie porta a scomparsa, la linea di cintura è più alta e i fianchi sono scolpiti con eleganza. Disegno a C anche per le luci a LED al posteriore con un lunotto più piccolo a causa del tetto spiovente e paracolpi in contrasto di colore con i fascioni neri che perimetrano tutta la parte bassa dell’auto.

DENTRO COM’È Comfort, ergonomia e qualità sono i tre capisaldi di nuova Captur. Partendo proprio dai sedili che per design e forma avvolgente sono degni dei segmenti superiori. Al suo interno c’è più spazio per tutti gli occupanti e l’uso di materiali soft touch per i pannelli porta e rivestimenti non ha eguali rispetto al passato. Inedito il tunnel centrale sospeso Flying Console che viene associato al cambio automatico EDC per un tocco futuristico. Questa opzione alleggerisce l’abitacolo e libera spazio per i vani porta oggetti. Spazio da best in class per il bagagliaio con una capienza, standard, di 536 litri con (+81 litri) il “trucco” del divano scorrevole in avanti di ben 16 cm per avere ancora più capienza senza rinunciare ai 5 posti.

A TUTTO DISPLAY Come per nuova Clio abbiamo le ultime tecnologie di Renault e display più grandi disponibili. Lo Smart Cockpit prevede un display multimediale da 7 o 9,3 pollici che risulta essere un vero e proprio tablet verticale. Questo è il nostro centro di comando che racchiude tutto il sistema di infotainment: dalla navigazione alle modalità del sistema Multi-Sense fino ai dispositivi di assistenza alla guida. Il cruscotto è completamente digitale con un display a colori da 7 o 10,2 pollici. Scegliendo la versione con schermo più grande si può visualizzare il navigatore direttamente nel cruscotto e abbinandolo al tablet da 9,3 pollici si ha la superficie di visualizzazione più grande della categoria.

DRIVE THE FUTURE Nuova generazione, nuova piattaforma. In realtà è già stata inaugurata da nuova Renault Clio 2019, e sarà in comune con l’80% dei modelli del Gruppo Renault entro il 2020. La piattaforma modulare prende il nome di CMF-B e introduce l’85% di componenti nuovi rispetto alla precedente Captur. Sono tanti i vantaggi visto che l’architettura è più leggera su carrozzeria, assali e cofano e affina l’aerodinamica della vettura riuscendo anche ad isolare meglio il vano motore per un eccellente comfort acustico. Grazie a questa nuova architettura l’auto supporta il powertrain ibrido e le più avanzate tecnologie di assistenza e aiuto alla guida.

GAMMA MOTORI Veniamo alle motorizzazioni perché l’offerta cresce con benzina, Diesel e una inedita versione ibrida plug-in.

BENZINA L’entry level è rappresentato dal 1.0 litri turbo 3 cilindri da 100 CV e 160 Nm di coppia abbinato al cambio manuale a 5 marce. Il livello successivo vede il 1.3 litri  benzina da 130 CV e 240 Nm disponibile con cambio manuale a 6 marce o automatico a doppia frizione EDC a 7 rapporti. Lo stesso motore 1.3 litri può avere una potenza di 155 CV e 270 Nm e può essere abbinato al solo cambio automatico EDC.

DIESEL la versione d’ingresso alimentata a gasolio è rappresentata dal 1.5 litri da 95 CV e 240 Nm abbinato al solo con il cambio manuale a 6 marce e dallo stesso motore con potenza portata a 115 CV e 260 Nm disponibile sia con cambio manuale a 6 marce sia con cambio automatico a 7 rapporti.

HYBRID La grande  novità ha già una data certa visto che nel 2020 la nuova Captur sarà dotata del motore ibrido ricaricabile denominato E-TECH Plug-in sviluppato nell’ambito dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Il motore 4 cilindri 1.6 litri benzina aspirato da 130 CV, ridisegnato per l’occasione, viene accoppiato a due motori elettrici e dotato di un’innovativa trasmissione multimode, batteria da 9,8 kWh e di un caricatore compatibile per le prese domestiche e uno per le stazioni di ricarica. È in grado di viaggiare in modalità elettrica per 45 km fino a 135 km/h. Promette consumi davvero ridotti grazie all’avviamento elettrico e capacità di recuperare e rilasciare energia per ricaricare velocemente la batteria.

GUIDA AUTONOMA LV.2 Lato guida semi autonoma e aiuti alla guida il salto generazionale è importante. I più importanti sono il Cruise Control Adattivo con sistema di ripartenza automatica che lavora assieme al mantenitore in corsia attivo che agisce direttamente sullo sterzo. Abbiamo la frenata d’emergenza automatica con riconoscimento pedoni e ciclisti, il riconoscimento dei segnali stradali replicati sul display, il blind spot warning negli specchietti laterali per monitorare l’angolo cieco e un sistema di telecamera a 360° per rendere sicure le manovre consentendo anche il parcheggio automatico.

WIND OF CHANGE Il segmento sta cambiando e per giocare nella scacchiera globale il capo designer di Renault, Laurens van de Acker ha deciso di mettere mano, pesantemente, alla sua prediletta a ruote alte. Nuova Captur 2019 diventa una vettura dal look più robusto e aggressivo, crescendo nelle dimensioni e aumentando notevolmente la cifra tecnologica e di finiture di qualità dell'abitacolo. È anche un'automobile pratica, pensata per vivere al meglio l'esperienza di viaggio anche in ambito urbano con il plus della motorizzaione ibrida plug-in che sarà introdotta nel 2020. È proprio il caso di dire che in Renault hanno tenuto le cose buone della vecchia Captur e migliorato tutto il resto. Se questa è la premessa, non vedo l'ora di provarla su strada.


TAGS: video suv renault captur 2019 anteprima renault captur 2019 nuova renault captur 2019