Autore:
Simone Dellisanti

E' QUI Il grande giorno è arrivato. Volkswagen ha presentato a un folto pubblico di media in una conferenza stampa a Dresda, la sua nuovissima piattaforma elettrica MBE. La MBE è la base per l'auto elettrica di domani definita "per tutti!". E' questo il 'motivo guida' che vedo scritto a caratteri cubitali in giro per tutto lo Glaserne Manufaktur, la fabbrica trasparente tutta vetro e parquet dove i robot e i (pochi) operai stanno assemblando già le nuove e-Golf. 

COS'E' Ma legittimamente, vi starete chiedendo, cos'è la MBE e perché viene definita 'per tutti'? La MBE è la piattaforma di base che sarà applicata a tutte le prossime vetture elettriche del colosso di Wolfsburg, ossia la base su cui ogni Volkswagen elettrica partirà per essere creata, una piattaforma completamente modulabile per adattarsi a ogni modello della Casa, in poche parole, la nuova piattaforma sarà 'per tutti' poiché sarà utilizzata sia per le piccole utilitarie sia per i grandi e-SUV. Una strategia utile e funzionale che permetterà a Volkswagen di abbattere il costo del prodotto finito che non dovrebbe superare il prezzo di un'auto diesel. La nuova piattaforma elettrica sarà anche aggiornabile per poter essere aperta a nuovi e futuri miglioramenti o evoluzioni, quest'ultimi alla base della mobilità elettrica e sostenibile. Il motore elettrico posto nella base MBE è più piccolo del consueto motore a scoppio e questo permetterà di aumentare lo spazio a bordo. In questo modo, su alcune vetture, sarà possibile inserire un secondo powertrain elettrico per poter adottare anche la trazione posteriore o integrale.

COME FUNZIONA Passiamo ora alla parte tecnica. La piattaforma MEB, per aumentare l'efficienza e la durata delle batterie, punta tutto su una ottimale gestione delle celle. L'autonomia ringrazia visto che, in base al modello scelto, saranno raggiungibili distanze pari a 330 o 550 km. Sappiamo bene che il problema dell'elettrico, più che l'autonomia stessa dell'auto, è l'opportunità di ricaricare con facilità e velocemente la propria e-car. Volkswagen sta cercando di limitare e risolvere il problema sviluppando una vasta rete di colonne per la ricarica, in collaborazione con la società Ionity, una dei più grandi costruttori di colonnine di ricarica in tutta l’Europa ma che al momento conta solo installazioni in Germania.

QUANDO ESCE La nuova piattaforma elettrica di Volkswagen permette alla casa tedesca di sognare in grande. Entro il 2020 in quel di Wolfsburg puntano a vendere ben 150.000 auto a emissioni zero, con nel mirino il milione di sole auto elettriche vendute nel 2025. Sono già due i modelli in arrivo entro il 2020 con la nuova e-Golf che sarà prenotabile già verso la fine del 2019.


TAGS: mbe volkswagen 2018 volkswagen elettrica