Autore:
Luca Cereda

IL BELLO DEVE ANCORA VENIRE Ateca, Ibiza, Arona. Una tripletta che ha fatto cambiare marcia a Seat sul mercato in questi ultimi due anni, fino a chiudere un 2017 da record, da quasi 10.000 milioni di euro di fatturato. Ma la vera svolta deve ancora venire ed è attesa per il 2019, quando in vetrina – presumibilmente entro la prima metà dell'anno – andrà la nuova Seat Leon 2019. Che nel 2020 - un anno dopo il lancio - uscirà anche ibrida plug-in, come confermato da Luca De Meo in occasione della presentazione dei risultati di bilancio.

CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI Seat ha promesso una nuova auto ogni sei mesi da qui al 2020. Tra le novità, la Seat Leon 2019 è decisamente il modello più importante, anche perché si presenterà con molte tecnologie mutuate dalla Volkswagen Golf 8 e uno stile profondamente rivisto, soprattutto nel frontale, secondo quanto trapela dalle prime indiscrezioni e dalle prime foto camuffate. Dalle spy emergono anche gruppi ottici profondamente ridisegnati e più espressivi, mentre, per quanto riguarda le msure, pur restando sull'attuale piattaforma MQB avrà un passo allungato di circa 5 cm.

ELETTRIFICATA La vera rivoluzione sarà però l'ibrido. Come la nuova Golf, la Seat Leon 4 (numero che indica la generazione) proporrà una versione mild hybrid, probabilmente basata sul 1.5 TSI e, più in alto nel listino, una variante ibrida plug-in con 50 km di autonomia in solo elettrico. Nella gamma motori rimarranno comunque le proposte classiche, a partire dal 1.0 litri TSI che abbiamo provato sulla Ibiza per finire con i diesel di media cilindrata. La nuova Seat Leon dovrebbe anche riproporre una versione a metano.


TAGS: seat nuova Seat Leon seat leon 2019