UPDATE L'asta si è svolta nelle scorse ore e l'auto è stata venduta: la cifra su cui si è attestata la vendita è comunque decisamente da far girare la testa (3,7 milioni di dollari), però non è stato infranto il muro dei 5 milioni che gli esperti ritenevano avrebbe potuto essere toccato, trattandosi di un'auto davvero di un'altra categoria rispetto a qualsiasi altra.

LA MUSTANG DI BULLITT Un'auto che ha fatto emozionare un numero enorme e inquantificabile di persone, che ha arredato in forma di poster chissà quante case negli ultimi cinquant'anni. Quando si parla di miti su quattro ruote, di auto che hanno davvero fatto la storia del cinema, non è decisamente possibile non citare la Ford Mustang GT nella colorazione verde Highlands protagonista di Bullitt, il film diretto da Peter Yates e interpretato da Steve McQueen nel 1968.

ALL'ASTA, PREZZO RECORD? L'abbiamo vista correre per le strade di San Francisco in un inseguimento che ha segnato per sempre l'immaginario di intere generazioni, ma ora la notizia è che un fortunato (e facoltoso) acquirente avrà la possibilità di farla propria. E non stiamo parlando di ''un'auto come quella'', ma proprio di quella guidata da Steve McQueen durante le riprese del film. La casa d'aste che si occuperà della storica vendita è la Mecun, e l'evento si svolgerà nella cittadina di Kissimmee in Florida. L'obiettivo è quello di superare il record per la vettura più costosa mai venduta all'asta, gli esperti infatti parlano di una cifra finale che potrebbe attestarsi intorno ai 5 milioni di dollari

All'asta la mitica Mustang di Steve McQueen nel film Bullitt

LE SPECIFICHE Nel 1968 Ford inviò alla Warner Bros due Mustang GT, poi opportunamente modificate per il film. Motore 6.4 V8 da 330 CV e cambio manuale a 4 marce, vennero cambiati i freni, le sospensioni, i cerchi e la mascherina (optando per un colore più scuro rispetto all'originale). Fu poi lo stesso Steve McQueen a voler eliminare le luci di retromarcia. Delle due auto, quella ora in vendita all'asta è quella che fu effettivamente usata di più durante le riprese del film.

LA STORIA Ma qual è la storia di questo esemplare assolutamente unico? Dopo la realizzazione del film fu un dipendente della casa di produzione cinematografica stessa, di nome Robert Ross, ad acquistarla. Passò poi di mano soltanto due anni dopo, venendo comprata dal signor Frank Marranca, professione detective. Dopo altri quattro anni (siamo quindi nel 1974) Marranca la vendette per soli 6mila dollari a Robert Kiernan, che la usò regolarmente (percorrendo oltre 100mila km) fino al 1980, quando in seguito alla rottura della frizione la pensionò in garage. Nel garage di Kiernan la mitica auto restò sostanzialmente ferma fino al 2001, quando il proprietario cominciò a lavorare per restaurarla, ma una grave malattia lo fece poi desistere.

LA MUSTANG OGGI Il proprietario è ora il figlio di Kiernan, Sean, che ha fatto eseguire sulla vettura una serie di interventi per riportarla in strada, senza però snaturarla con un vero e proprio restauro, giudicato troppo invasivo rispetto a un'auto che potrebbe praticamente essere considerata come patrimonio artistico. Per il cinquantennale dell'uscita del film, la mitica Mustang è stata protagonista di una specie di tour degli Stati Uniti, seguito e apprezzato dai fan di tutto il mondo. È proprio a seguito di quella rinnovata esposizione che la casa d'aste Mecum ha fatto la sua proposta al proprietario, che però non ha avuto cuore di accettarla subito. ''Ho passato molte notti insonni prima di decidermi, l'auto è l'eredità di mio padre. Sarà difficile guardare nel garage e vedere uno spazio vuoto, è un modo per prendersi cura del futuro della mia famiglia come lui ha fatto per noi'', ha dichiarato infatti a un magazine americano. Ora però la decisione è stata presa, e l'auto si prepara a trovare un nuovo proprietario. Ma quale sarà la cifra finale? Staremo a vedere. 


TAGS: mustang bullitt steve mcqueen asta Ford Mustang GT