Autore:
Luca Cereda

FRUTTI ESOTICI Lasciate stare che, probabilmente, non ne vedremo mai nemmeno una transitare sulle nostre strade: la Buick Avenir concept non poteva certo passare inosservata, qui, dopo la sfilata di Detroit. E non solo per le dimensioni, che sfiorano 5 metri e 20 di lunghezza, o per i gigacerchi da 21’’. Con quel suo fisico da ammiragliona, spallata  e dal muso imponente, ed il suo stile, forse un po’ lezioso ma di sicuro effetto scenico, questa concept americana attira d’istinto gli sguardi del pubblico. Poi, come sempre, potrà piacere o non piacere.

MI RITORNI IN MENTE In quanto Buick, la Avenir concept è americana fino al midollo. Ma è anche una GM, e quindi, scudetto a parte, l’influenza delle matite Opel si vede; se avete buona memoria, magari riscontrerete una certa somiglianza con la concept che diede origine alla Insignia (vedi correlate). Reminiscenze a parte, l’Avenir – lo dice il nome stesso – è proiettata nel futuro, soprattutto nel design e nella concezione degli interni, infarciti di tecnologia. Tra sedili lussuosi e rivestimenti in pelle premium, infatti, nell’abitacolo spuntano gadget come il caricatore wireless per lo smartphone, uno schermo per l’infotainment da 12’’ e gli immancabili monitor per i passeggeri posteriori integrati nei poggiatesta dei sedili anteriori. Il cruscotto, poi, è di quelli intelligenti, e quando vi accomodate al volante si ricorda di voi. Proponendovi la musica che preferite, preparando la vostra agenda e predisponendo, sul navigatore, le destinazioni più frequenti.

ADD…AVENIR Detto questo, che futuro ha questa Avenir? Per il momento serve a indicare la strada, soprattutto in termini di stile, ai modelli Buick che verranno, ma c’è già chi intravede in lei una potenziale rivale della Panamera sul mercato americano. Dopotutto, le due auto sono assimilabili per tipologia, un altro discorso riguarderà invece le prestazioni. Anche se l’Avenir già da adesso non scherza: sotto il cofano si nasconde un V6 a iniezione diretta furbo - capace di mettere in pausa una bancata quando non è richiesta piena potenza – abbinato a un cambio doppia frizione a 9 rapporti e alla trazione integrale.   


TAGS: salone di detroit 2015