Autore:
Andrea Brambilla

IL RITORNO La Toyota Corolla, l’auto più venduta di sempre con oltre 46 milioni di unità dal 1966 a oggi, è tornata. Giunta alla dodicesima generazione, ha sostituito la “Auris”, l’auto che nel 2010 ha introdotto nel segmento C la tecnologia ibrida. Una scelta ponderata quella di utilizzare il nome Corolla per ricordare il modello che ha segnato la storia dell’automobile oltre che a sottolineare l’utilizzo della nuova piattaforma TNGA-C (Toyota New Global Architecture). 

PIACE Mi capita spesso di utilizzare auto appariscenti ed attirare l’attenzione di automobilisti ed appassionati; non avrei mai detto però che girare a Milano con la nuova Corolla volesse dire rispondere a tante domande e curiosità. Non solo i taxisti, grandi estimatori e fedelissimi di questo modello, ma anche tanti automobilisti intenti a passare all’ibrido che vogliono capirne il funzionamento. Inoltre, vista da fuori, si distingue rispetto le dirette concorrenti per un design molto personale. Corolla è più bassa e più larga rispetto la Auris garantendo così un aspetto più sportivo, la sensazione è di maggiore stabilità grazie all’altezza ridotta di 25mm e questo nuovo look piace.

AFFILATA Per riscuotere consensi all’interno del segmento C non basta solo la tecnologia ibrida sotto il cofano: ci vuole anche un design personale che attiri l’attenzione. E la Corolla ha tanta personalità soprattutto fuori, dove mostra linee tese ed affilate sia all’anteriore che al posteriore. La fanaleria LED conferisce un aspetto particolarmente sportivo nella parte frontale, e personalmente trovo azzeccato il taglio dei fari aggressivi; anche il design del bagagliaio è bello da vedere ma una volta a bordo non concede grande visibilità all’esterno, soprattutto in manovra.

DENTRO Gli interni rispecchiano la filosofia del Sol Levante: niente è fuori posto tutto è molto semplice e razionale, senza dare spazio alla fantasia. A differenza di altre case, Toyota sceglie di non farcire l’abitacolo con troppi tasti fisici; il sistema di infotainment, la cui consultazione non ho trovato così intuitiva, utilizza uno schermo touch da 8 pollici. Il volante è bello da impugnare ma, a causa della disposizione dei pulsanti, le azioni non sono sempre facili e veloci. Il cruscotto mostra un nuovo piccolo schermo TFT da 7 pollici messo al centro degli indicatori analogici; pur essendo piccolo visualizza numerose informazioni anche sulla guida "eco". L’abitacolo nel suo complesso è spazioso anche se davanti si sente la mancanza di un vero vano porta oggetti (usavo il porta bottiglie) eccezion fatta per il comparto nascosto per la ricarica wireless del cellulare. Il design esterno particolarmente filante non ha penalizzato eccessivamente lo spazio nelle sedute posteriori, anche se qualche cm in più per la testa per le persone più alte non sarebbe stato male.

DOPPIA SCELTA La nuova Corolla è anche il primo modello della casa nipponica ad offrire la scelta tra due motorizzazioni Full Hybrid Electric: un 1.8L da 122 CV ed il nuovo 2.0L da 180 CV. La protagonista della nostra prova è equipaggiata con il 1.8, la scelta che pensiamo riscuoterà anche il maggior successo in Italia. I 122 cavalli di potenza sono ottenuti grazie anche al contributo dei 53 kW prodotti dal motore elettrico che viene alimentato fino a 600V. In città se siete delicati con il piede destro utilizzerete davvero poco il motore termico a fronte di ottimi consumi, oltre che a basse emissioni. Questo propulsore è in grado di scattare da 0-100 in 10.9 secondi e di toccare una velocità di punta di 180 km/h. I cosumi? La Casa dichiara oltre 30 km al litro, un valore che non sono riuscito a raggiungere ma ci sono andato molto vicino superando, prestando un pò d'attenzione, i 25 km litro anche nell'uso cittadino. 

NUOVO IBRIDO Il sistema ibrido di quarta generazione è composto da una trasmissione più piccola e più leggera dotata di una nuova struttura a doppio asse per il motore e per il generatore, progettata per ridurre gli ingombri, ottenere un treno di ingranaggi a bassa perdita di potenza e permettere un incremento della velocità di rotazione del motore. Il nuovo sistema da molto più spazio d’azione alla componente elettrica nell’ambito del sistema ibrido, la Corolla infatti può raggiungere i 120 km/h in solo elettrico.

IL CAMBIO E' sempre il cambio a variazione continua CVT ad equipaggiare la Corolla; non un inno alla sportività ma migliorato rispetto il passato è oggi più fluido. Purtroppo all'aumento dei regimi del motore corrisponde anche un aumento della rumoristà all'interno dell'abitacolo; attenzione però la Corolla è ben insonorizzata risultando confortevole anche alle alte velocità.

SI GUIDA BENE La piattaforma TNGA-C ha portato notevoli benefici alla Corolla, soprattutto in termini di dinamica di guida. Il baricentro ribassato di 10 mm, le sospensioni posteriori multi-link che sono di serie sull’intera gamma e la scocca più resistente del 60%, sono gli ingredienti per la ricetta di una guida sorprendentemente divertente. In particolare ho apprezzato molto la precisione dello sterzo che comunica molto bene le dinamiche della vettura. Il motore poi ha un bel tiro e quando lavorano assieme la spinta è costante.

SICURA La nuova Corolla dispone di serie per tutti gli allestimenti, del Toyota Safety Sense 2.0, un pacchetto che comprende una telecamera a lente singola e un radar a onde millimetriche: la performance dei due sistemi è stata affinata per estendere la portata del rilevamento e migliorarne la funzionalità. Il Toyota Safety Sense 2.0 include oggi le versioni aggiornate di diversi sistemi, tra cui quelli pre-collisione, cruise control adattivo con funzione stop and go, avviso superamento corsia, riconoscimento segnaletica stradale e abbaglianti automatici.

PREZZI L’allestimento d’ingresso è l’Active, disponibile con il motore 1.8L, è dotato di cerchi in lega da 16” e fari anteriori al LED; l’allestimento Style quello della nostra prova, si distingue per i cerchi da 17”, fari anteriori bi-LED e colorazione bi-tone per il tetto. Il top di gamma è composto dall’allestimento Lounge, disponibile solo con motore 2.0L, che vanta cerchi da 18”, fari anteriori multi-LED e sedili sportivi con inserti in pelle. Il listino parte da 27.300€ per la versione Active nella motorizzazione 1.8L. La nuova Corolla sarà disponibile anche con il nuovo programma Hybrid Service che prevede l’estensione della garanzia per le vetture Full Hybrid Electric fino a 10 anni, sia sulle parti elettriche che quelle meccaniche. Grazie alla formula PAY PER DRIVE CONNECTED (introdotta con il RAV4), il cliente potrà scegliere tra cinque livelli di chilometraggio annuo predefiniti a cui corrispondono rate differenti. In seguito, in base al chilometraggio effettivamente percorso, la rata potrà cambiare in ragione dell’effettivo valore residuo.


TAGS: toyota hybrid corolla hybrid