Digg Facebook Twitter Feedburner

Prova Kawasaki Z1000 2010

Data: 18 Novembre 2009 23:59:00
Autore: Stefano Cordara

Tutta nuova fuori e dentro, la nuova "zetona" riesce a coniugare le doti delle maxi naked Made in Japan con quelle delle più cattive nude europee. Gran motore e una ciclistica di alto livello la rendono, di fatto, la prima vera streetfighter giapponese.


Prova: Kawasaki Z1000 2010


COM'È
Il mercato della moto si sta evolvendo rapidamente. Le sportive hanno sempre un grande appeal per i risultati sportivi, ma poi le moto che si vendono, quelle che "fanno i numeri", sono altre. Le maxi naked ad esempio, un segmento che, nonostante tutto, continua a crescere di importanza. Perché queste moto, che si possono ormai considerare delle vere sportive stradali, appagano esteticamente, hanno posizioni di guida umane, prestazioni eccellenti, e sono dotate di una componentistica raffinata. Il successo di queste moto è dato anche dal fatto che, in esse, l'utente riconosce inequivocabilmente il DNA sportivo della Casa. Non per niente molte di quelle che ormai sono definite super naked o Streetfighter hanno spesso motori e ciclistiche derivati direttamente da quelli delle sportive.

JAPAN FIGHTER Kawasaki per prima tra le giapponesi ha creduto in questo segmento. Nel 2003 la sua Z1000, caratterizzata da un look spigoloso e arrogante, ha di fatto lanciato la sfida alle naked sportive europee (allora erano solo Speed Triple e Aprilia Tuono), mettendosi sullo stesso piano di aggressività e potenza e condendo il tutto con un prezzo di assoluto interesse. Ora che è giunta alla terza generazione, la Z1000 rilancia il messaggio con forse ancor più decisione, caratterizzandosi ancor più esteticamente, prendendo le distanze da quelle moto che sono solo "sportive spogliate" e facendosi forza di una tecnica rinnovata. Il prezzo è molto interessante (10.590 ?, 500 ? in più per la versione con ABS) e i contenuti sono aumentati, e non di poco.


LA VOGLIO AGUZZA Se prima era tagliente adesso c'è addirittura il rischio di pungersi. Con questa terza generazione Kawasaki ha spinto ancora sull'acceleratore del design. Così Sulla nuova Z1000 troviamo tutto il compendio di spigoli, sfaccettature e tagli tanto cari ai designer di Akashi (e non solo a loro). Una linea che ha fatto certo già discutere, caratterizzata tra l'altro da un netto spostamento di volumi in avanti che fa sì che la Z contrapponga un petto gonfio come non mai (il nuovo serbatoio da 15 litri sembra la schiena curva di un gatto arrabbiato) a una coda esile e sfuggente.

PROTESA IN AVANTI Al look contribuiscono parecchie carenature in plastica (forse anche troppe come nel caso della forcella) ma il risultato che se ne riceve alla fine è una impressione di grande dinamismo anche a moto parcheggiata. In ogni caso, quello che non manca è l'impronta di famiglia. La nuova Z è sempre riconoscibile come una Z1000 soprattutto nella vista laterale dove spiccano i 2 terminali di scarico sdoppiati, molto più corti che in precedenza grazie all'utilizzo di una precamera che ha permesso di ridurne il volume di un terzo e il peso di un paio di kg.


COME TI SPOSTO IL BLOCCO Il peso complessivo della linea di scarico, tuttavia, rimane allineato a quello precedente, anche se la nuova disposizione va nella direzione del massimo accentramento delle masse, al quale contribuiscono anche l'inedito motore da 1.043 cc inclinato in avanti di 5° per abbassare l'albero motore e di conseguenza il baricentro, e alcuni accorgimenti utilizzati sul telaio e sugli accessori. Il risultato non è solo un baricentro spostato ma una moto alleggerita di circa 10 kg rispetto al modello 2009, il che non è certo poco...

A FUROR DI COPPIA
Il quattro cilindri in linea Kawasaki è senza dubbio uno dei protagonisti della nuova Z1000. Non è semplicemente un motore "gonfiato" di cilindrata ma è stato riprogettato a livello di aspirazione, e attacchi al telaio. Per raggiungere i 1.043 cc sono cambiati sia l'alesaggio sia la corsa, ora di 77,0 x 56,0 mm ottenendo quindi un rapporto meno superquadro che in precedenza (prima l'alesaggio e corsa erano di 77,2x50,5mm). Misure che, assieme ad altre soluzioni, hanno portato a un motore più ricco di "schiena" rispetto al passato. Ovviamente non potevano mancare un po' di cavalli in più, esattamente 13 visto che adesso si parla di una potenza di 138 cv a 9.600 giri e di una coppia di 110 Nm a 7800 giri.


FARFALLE E OVALI
Il motore ha, inoltre, un nuovo impianto di iniezione con corpi farfallati da 38 mm e sistema di farfalle secondarie ovali. Questa soluzione, per quanto non inedita (è già usata da Kawasaki per le Ninja, ad esempio) è una novità nel segmento delle naked stradali e ha permesso di ottenere una erogazione particolarmente corposa oltre che un'ergonomia più favorevole per il pilota, dato che il corpo farfallato (più stretto proprio grazie alle farfalle ovali) è proprio fra le sue ginocchia.

TELAIO DA SUPERBIKE
Come dicevamo più sopra, nelle moderne super naked il cliente vuole ritrovare lo stesso DNA delle sportive. E in Kawasaki hanno fatto di tutto per soddisfare questa richiesta, soprattutto per quel che riguarda il telaio. La struttura che fa da spina dorsale alla nuova Z1000 è infatti una delle novità principali della moto. Intanto perché cambia il materiale (da acciaio a alluminio) e poi perché in questo telaio ritroviamo la stessa filosofia che caratterizza la Ninja 1000. Le due grosse travi laterali "scavalcano" infatti il motore passando sopra la testa, proprio come accade sulla Ninja, assicurando tra le altre cose l'ottenimento di una moto particolarmente snella.


CODA ALLEGGERITA
I punti di ancoraggio al motore passano da tre a quattro, in questo modo la rigidità torsionale sale del 30% rispetto alla "vecchia" Z1000, pur a fronte di un telaio è più leggero di qualche chilo e di una rigidità laterale invariata. Per migliorare ulteriormente la centralizzazione delle masse, inoltre, il telaietto posteriore ora è in alluminio in soli 3 pezzi e la sua forma ha permesso di eliminare i fianchetti laterali, anche in questo caso a favore della massa complessiva della moto che ora stazza 218 kg in ordine di marcia.

QUESTIONE DI PESO Non fate confronti con la vecchia moto. I conti non tornano semplicemente perché i giapponesi hanno finalmente perso la pessima abitudine di denunciare gli inutili pesi a secco, che rendevano le moto leggerissime ma "vuote". Ora dichiarano pesi in ordine di marcia più verosimili e per questo, nonostante siano annunciate come più leggere, le moto sono sulle schede tecniche più pesanti.


MONO ORIZZONTALE A calare comunque non è solo il peso, la moto è anche più compatta: l'interasse diminuisce di 5 mm passando da 1.445 a 1.440. Inoltre l'arrivo della precamera di scarico ha imposto di riprogettare completamente la sospensione posteriore, che ora utilizza un monoammortizzatore montato quasi orizzontalmente sopra il forcellone (nuovo anche lui) con un leveraggio progressivo "rovesciato" i cui bracci in lamiera stampata sono forse fin troppo visibili (io li avrei verniciati in nero). Per la forcella rovesciata da 41 mm arriva invece anche la regolazione dell'idraulica in compressione prima assente. Invariato, invece, l'impianto frenante che utilizza i dischi a margherita d'ordinanza e un'accoppiata radiale per pompa e pinze Tokiko. Come sulla moto dello scorso anno, poi, è prevista una versione dotata di ABS che arriverà a gennaio 2010 (la standard sarà invece da concessionari già a dicembre).

DETTAGLI CHE CONTANO La tecnica, quindi, è di prim'ordine. Ma anche la "confezione" della moto è migliorata. Belli ad esempio i registri eccentrici del gioco catena "annegati" nel forcellone (un classico per Kawasaki che abbiamo visto anche sulle ZRX 1200); bello anche il manubrio verniciato in nero e a sezione variabile. Anche la strumentazione ci mette del suo con una compattezza notevole e un aspetto molto hi-tech.

Autore: Stefano Cordara
Data: 18/11/2009 23:59:00

Prosegui: COME VA
da favola l ho acquistata e un autentica bomba va di lusso e se non monti buone gomme no la godi a pieno!!sopra gli 8000 mila ti da una botta nella schiena!!la mille naked migliore che ho mai avuto Inviato da: Anonimo - 06/05/2011 14:22:49
x Dave Ti rispondo io. La CB1000 (premetto di averla provata per bene) ha un motore fiacco e una ciclistica che non dà un minimo di feeling, almeno con le gomme di serie. Personalmente te la sconsiglio. Vai a provare la Z1000, i concessionari Kawa di solito sono molto disponibili. Inviato da: Giannone
x pippo vorrei sapere perché secondo te la CB1000 sarebbe una moto "da finocchi" (premetto che non la possiedo, ma sarei intenzionato ad acquistarla). Grazie in anticipo Inviato da: Dave
provata... ...oggi. Commento: " STI-CAZZI !!" è vero: non piacerà a tutti, ma dopo averla provata, ritengo che una sua concorrente diretta, la CB Honda, possa essere considerata una moto da "finocchi". Inviato da: pippo
Provare..... per credere Ho diverse "moto" all'attivo nella mia carriera. Ho avuto modo di provare questa moto, e devo dire che Kawasaki ha fatto centro. Un motore veramente impressionante, che non spicca per potenza massima ma per una progressione e linearità di erogazione mai visti prima su una naked jap. La ciclistica è finalmente degna di questo nome (non ho avvertito ondeggiamenti in curva, dove la metti la sta), agile e reattiva, impianto frenante più che ottimo per l'uso stradale. Certo, l'estetica va capita, ma vi assicuro che prima di provarla l'ho fatto solo per lo sfizio di vedere come andava; dopo il giro devo dire che ho cominciata a guardarla con ben altri occhi. È una moto sfruttabile anche tutti i giorni che non ti fa pentire di averla comprata dopo i primi 3-4000 km. E poi a quel prezzo! Streetfighter e super naked europee?!?! Oggetti bellissimi, ma costano MOLTO di più (quindi non facciamo paragoni tra le schede tecniche) e secondo me rappresentano un concetto troppo "estremo" di naked, che alla lunga porta alla disaffezione. Le moto devono essere facili, altrimenti meglio una SS. La comprerò? È molto probabile..... Inviato da: Carmine - 13/04/2010 09:29:51
Piu' BRUTTA no??? Si sono proprio impegnati per farla cosi' brutta o gli e' venuta naturale? Inviato da: Gianni
che bella tamarrata di moto! quant'era bella la prima nuda ed essenziale, questa mi pare una tamarrata mostruosa! con quella sella pitonata poi neanche un tedesco avrebbe il coraggio di portarla in giro! Inviato da: roberto
Serbatoio 15 lt col pieno equivalgono a una dozzina utilizzabili senza patemi di restare a secco. Io con la moto non ci vado solo al bar! Inviato da: Ermes
bellissimaaaaaaaaaaaaaaaaa appena ho visto le foto della nuova z 1000 ho venduto la mia zetona del 2009 e ora non vedo l'ora di cavalcare questa meravigliosa zeta Inviato da: giaani - 20/11/2009 17:02:47
x Fabio Col vecchio 999 si fanno a 90 km/h quasi 25 km con un litro (prova su strada su "In Sella"). Io con il SS 1000DS (con però "solamente" 95 CV) faccio nell'uso normale (misto, urbano 30%, extraurbano 70%) 16-17 km con un litro. In autostrada a 130-140 km/h sono a 18 km per litro. In città sono a 14-15 km per litro. Smanettando un pò scendo a 13 km per litro. Non te l'ho proprio raccontato, ma non credo che col 1198 si possa fare molto peggio di così. Inviato da: Raffaele
Totale pagine 3 | Pagina: 1

Vedi anche

Yamaha FZ1 & Yamaha FazerYamaha FZ1 & Yamaha Fazer
Cuore sportivo e tanti cavalli
Honda CB1000RHonda CB1000R
Arriverà a fine maggio.
Naked 1000 JapNaked 1000 Jap
Alla fine ci sono arrivati anche i giapponesi: le moto si ...
Triumph Speed Triple 2011Triumph Speed Triple 2011
Più leggera e cattiva la Triumph Speed Triple 2011 è tutta nuova.
Kawasaki Z1000SXKawasaki Z1000SX
Sportiva e comoda per piacere a molti
MV Agusta BrutaleMV Agusta Brutale
Più comfort ma stessa bella guida per la Brutale più urbana di ...

Home | Prove su strada

Suzuki Burgman 200 ABS: Sushi testSuzuki Burgman 200 ABS: Sushi test
La prova dello scooter alla scoperta del Giappone
Yamaha TricityYamaha Tricity
Il neonato Yamaha Tricity è già maturo, guarda il video.
BMW R 1200 GS AdventureBMW R 1200 GS Adventure
Quest'anno a Garmisch ci sono andato con la BMW R 1200 GS ...
LML Star Automatica 4T 151ccLML Star Automatica 4T 151cc
Tra gli scooter di oggi c'è una nuova (LML) Star
KTM SX e SXF 2015KTM SX e SXF 2015
Abbiamo provato a Ottobiano la gamma cross delle KTM SX e SXF ...

Home | Magazine

Serbatoi olio by LightechSerbatoi olio by Lightech
Per serbatoi freni e frizione
Transiberiana su Yamaha MT-09 Street RallyTransiberiana su Yamaha MT-09 ...
Un'impresa eroica, quella di Gianclaudio Aiossa e la sua Yamaha ...
Piaggio Mp3 300Piaggio Mp3 300
In arrivo il più urbano di tutti, il Piaggio Mp3 300
Kryptonite, i "fab four"Kryptonite, i "fab four"
4 soluzioni per mettere sotto chiave la vostra bella a due ruote
Codice della Strada: presto i 125 in autostradaCodice della Strada: presto i 125 ...
Moto e scooter 125 in autostrade e tangenziali dopo la riforma ...
Kawasaki J300Kawasaki J300
Il lime green ora è anche per gli scooter. Guarda il video
Kawasaki Z1000 2014Kawasaki Z1000 2014
Muscoli senza filtro. Guarda il video
Prove moto
30 anni di Kawasaki Ninja30 anni di Kawasaki Ninja
Tre decenni... e non sentirli!
Kawasaki Z250SLKawasaki Z250SL
La piccola Zeta per il Sol Levante
Come prendere la patente A2Come prendere la patente A2
Le procedure da sbrigare, i segreti dell'esame e la moto giusta
Online il nuovo e-shop di KawasakiOnline il nuovo e-shop di Kawasaki
Lo store digitale di Kawasaki è online
L'esame pratico per la patente AL'esame pratico per la patente A
Ecco come cambia la prova tra i coni
Magazine moto