Autore:
Alessandro Codognesi

BACK TO THE FUTURE Nel periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, chi investe in nuovi progetti e idee merita un plauso a prescindere dal risultato. Nessuno tira fuori più un euro dalle tasche, i remi sono in barca già da un bel po’. In questo lugubre scenario, proclami come quello di Honda sono perle rare: la Casa alata ha infatti dichiarato di voler rientrare a correre ufficialmente la Dakar, come 23 anni fa con le NXR bicilindriche. E se i suoi cinque titoli conquistati in passato valgono qualcosa, ci aspettiamo tanto.

NIENTEPOPODIMENOCHE…Quando Honda ci si mette, ci si mette d’impegno; ecco perché alla gara, Honda parteciperà con l’Honda Team HRC, a cui darà tutto il suo appaggio, morale ed economico. Quattro saranno invece i piloti: Helder Rodrigues (terzo alla Dakar 2012), Felipe Zanol, Sam Sunderland e Javier Pizzolito. I piloti guideranno un prototipo su base CRF450X, sviluppato e realizzato dal reparto R&D Honda. Da questo concept (vedete il teaser in foto) nascerà poi un kit per le CRF450X, da fornire a un limitato numero di Team.

MODESTIA A PARTE Il direttore generale del centro R&D Honda, Tetsuo Suzuki (ma non avrà sbagliato Casa?), nutre fortissime speranze nel progetto. Ha infatti sottolineato il profondo impegno profuso dal centro R&D per adattare la moto da enduro/cross a una gara così dura per la meccanica della moto. E volendo seguire le orme della MotoGP, punteranno direttamente al podio, fin dalla prima edizione. 


TAGS: parigi dakar honda alla dakar honda dakar honda rientra alla dakar honda crf dakar honda dakar 2013