Autore:
Giulio Scrinzi

NIENTE SARÀ PIÙ COME PRIMA Da quando Liberty Media ha assunto i diritti della Formula 1, il Circus iridato sta cambiando poco alla volta le proprie tradizioni. Prima il logo, poi la possibilità di togliere le ombrelline… e adesso anche la griglia di partenza, che potrebbe subire in futuro delle modifiche importanti al proprio allineamento.

LAVORO AL SIMULATORE Parola di Pat Symonds, ex responsabile tecnico della Williams e che ora fa parte del gruppo di specialisti che hanno l’obiettivo di migliorare la F1. Ma quali saranno queste modifiche e come si potrà valutarne il loro impatto? “Attraverso l’ambiente virtuale, come i simulatori che si utilizzano negli eSports, potremmo testare tutte le novità del caso. Per diversi anni la griglia di partenza ha avuto una formazione scaglionata e questo ha creato due problemi: le vetture più veloci sono davanti a tutti, inoltre sono separate tra di loro. Anni fa, invece, le monoposto erano appaiate e sulla stessa fila ce n’erano addirittura quattro!”.

PAROLA ALLE STATISTICHE Per effettuare delle modifiche del genere, a questo punto, l’unico modo secondo Symonds è di affidarsi alle statistiche. “Cosa accadrebbe se utilizzassimo un format differente? La risposta a questa domanda è di effettuare delle simulazioni con gli eSports, provare a cambiare griglia e lanciare le monoposto in gara per pochi giri, giusto per vedere se i miglioramenti, a livello soprattutto di spettacolo, hanno funzionato. Questa, in ogni caso, è una strada che vale la pena percorrere: non possiamo permetterci che accadano di nuovo tutti quei problemi con le qualifiche del 2016...”.


TAGS: formula 1 f1 f1 2018 f1 esports formula 1 2018 f1 griglia di partenza f1 griglia di partenza 2018 f1 esports 2018