Autore:
Luca Cereda

CORTO CIRCUITO Si chiama VR01 la monoposto griffata Virgin che quest'anno debutterà nel mondiale F1. Era attesa, molto attesa. Forse troppo, dato che stamattina - all'ora fissata per la presentazione online - il sito della scuderia è andato in palla per non meglio precisati problemi tecnici. Overdose di contatti, probabilmente. Intanto ecco la vettura nei primi scatti messi a disposizione dalla scuderia in attesa del debutto su pista.

PROVACI ANCORA, NICK Il team Virgin Racing nasce dalla collaborazione tra la Manor Motorsport (scuderia di Formula 3 di proprietà di John Booth) e la Wirth Research, un gruppo specializzato in ricerca, sviluppo, design e costruzione nell'ambito proprio dell'industria automobilistica sportiva. Nick Wirth - che ne è il proprietario, e che tra l'altro aveva già debuttato in F1 nel 1994 (senza conqustare alcun punto in 21 GP) a capo della Simtek - torna ora in campo come direttore tecnico della scuderia presieduta dal magnate Richard Branson, titolare del Virgin Group. Monoposto e "squadra" sono state allestite in tempo-record (praticamente 10 mesi): c'è molta curiosità nel vedere quanto, effettivamente, saprà essere competitiva la VR01.

VOLANTE AL TIMO
A spingerla ci sarà un motore inglese, un V8 Cosworth (nome in codice CA2010); a guidarla tra i cordoli, invece, ci penseranno il tedesco Timo Glock (27 anni) e il brasiliano Lucas Di Grassi (25 anni). Il primo - ex Toyota - ha chiuso la stagione 2009 con due podi all'attivo e il 10 posto generale nella classifica piloti (con un totale di 24 punti conquistati). Di Grassi, invece, è al battesimo in Formula uno e vanta un terzo posto assoluto nella GP2 conquistato al termine dello scorso campionato.


TAGS: formula uno sport. ma vola virgin vr01 vr01 virgin