Autore:
Michele Losito

BUONA LA DECIMA Il raduno internazionale dei Porsche Club riunisce equipaggi da tutto il mondo con cadenza biennale, ogni edizione in un Paese diverso. Agli italiani, l'occasione di ospitare l'evento è stata data quasi vent'anni fa, per la seconda edizione di questa grande festa Porsche, tenutasi nel 1992 tra gli scenari paradisiaci delle Dolomiti, a Cortina d'Ampezzo. Oggi, giunti alla decima edizione, è di nuovo il turno della Federazione Italiana Porsche Club di organizzare il raduno di tutti i Club Porsche nel mondo e la cornice scelta è delle più suggestive: la Costa Smeralda.


Venerdì 9 - Sabato 10 Maggio

VENGO ANCH'IO
Quest'anno, equipaggi da ogni parte d'Europa si sono sobbarcati anche qualche migliaio di chilometri per non mancare all'appuntamento. Quattro equipaggi islandesi vincono la palma d'oro del Club più lontano presente alla manifestazione, ma non mancano altre curiosità scorrendo la lista dei partecipanti, come gli otto equipaggi Bulgari e la numerosa presenza di "team" provenienti dai Paesi nordici. Con ogni probabilità, scesi in massa per scaldarsi le ossa in questo anticipo di estate Sarda.

RINGRAZIAMENTI Il raduno è quindi una sorta di ringraziamento generale che la Casa madre fa a tutti i Porsche Club, che con il loro impegno e la loro passione hanno contribuito a far uscire la Casa di Stoccarda dalla difficile crisi dei primi anni 90, come ricorda il Direttore Generale di Porsche Italia Loris Casadei, dando inizio alle danze durante la cena introduttiva del giovedì sera. Alla quale hanno voluto esserci persino gli eredi delle famiglie fondatrici del mito Porsche, presenti con Ferdinad Piech Jr e Hans-Peter Porsche.


TUTTE LE PORSCHE
Sono quasi 250 gli equipaggi che hanno "toccato terra" nella giornata di giovedì, e preso posto in alcuni dei più famosi e lussuosi alberghi della Costa Smeralda. Praticamente tutta la produzione Porsche è rappresentata: dalle 356 degli anni 60, alle Cayenne, fino alla recentissima 911 GT2 da 420 cavalli, presentata solo pochi mesi fa. La più anziana intervenuta è però una 356 del 1955, perfettamente mantenuta dal suo orgogliosissimo proprietario abruzzese.

RALLY DI SARDEGNA Il luogo scelto per la Porsche Parade è noto per la sua lunga tradizione rallystica. Così, l'ottima organizzazione dell'evento ha pensato bene di far rivivere certe emozioni ai partecipanti, sulle splendide strade della Gallura. In realtà il Rally fotografico tenutosi nella mattinata di venerdì non è stata una vera e propria competizione, ma si è trasformato presto in un divertito serpentone di Porsche per il quale, più del cronometro, a contare era la vista acuta dei "co-pilota", impegnati a scovare i numerosi "check point" del percorso.


TI SPALMO LA CREMA
Il pomeriggio del venerdì, le auto sono state lasciate a riposo in un parcheggio, anche per la gioia dei passanti, che hanno potuto ammirare oltre 200 auto affascinanti. Mentre i proprietari sono saliti su un battello per una piacevole gita all'arcipelago de La Maddalena. D'altro canto, non si vive di soli cavalli vapore e gomme fumanti, e tutti i partecipanti l'hanno capito molto bene, con quelli stranieri super-indaffarati a passare dalla macchina fotografica, per immortalare uno dei mari più belli al mondo, a una doverosa dose di crema solare contro il sole cocente.


SATURDAY NIGHT
La giornata di oggi è invece tutta dedicata alle auto. Che verranno prima giudicate severamente nel concorso di eleganza previsto nella mattinata e poi ammirate dal pubblico di Porto Cervo, durante la classica parata. Questa "passerella", che dà anche il nome al raduno, è l'atto conclusivo di una quattro giorni dedicata alle auto di Stoccarda, che si ricorderà soprattutto per gli splendidi scenari in cui si è svolta e per la bellezza delle auto arrivate fin qui. Immancabile, infine, la cena di gala del sabato sera, in cui gli oltre 450 partecipanti, in abito da gran sera tenteranno di togliere un po' d'attenzione alle loro fascinose auto sportive.


Domenica 11 Maggio
SEI PER FORZA Ieri mattina, la quantità di macchine meritevoli di unpremio durante il concorso di eleganza hanno obbligato i giudici acreare sei categorie diverse, in base all'epoca delle auto in gara. Levincitrici sono quindi divise anche da oltre quarant'anni d'età, datoche la palma di più elegante per la categoria 356 è andata a una 356/Bdel 1963, mentre la più giovane Porsche premiata è stata unaspettacolare GT3RS del 2007, verniciata in un sobrio color arancio...

QUANDO CI SI RIVEDE? Chi non era impegnato a far controllare bulloneper bullone la propria auto per verificarne lo stato di conservazione -perlomeno da impeccabile in su - si è trovato alle prese con unasimpatica prova di abilità, giusto per passare divertendosi le pocheore che dividevano dall'evento clou della Porsche Parade 2008. Laparata appunto, che ha concluso nel migliore dei modi questo evento interra sarda. Ma il prossimo appuntamento è già fissato, e la PorscheParade 2010 sarà organizzata in Austria. Perciò, se avete intenzione diregalarvi una di queste auto splendide, ricordatevi anche di iscrivervial vostro Club locale, l'unico modo per poter partecipare alla prossimaedizione di questo evento per "Porschisti doc".


TAGS: porsche parade 2008