Autore:
Luca cereda

AL LAVORO I veicoli commerciali passano un poco inosservati perché sempre intenti a fare la spola tra casa e bottega, o di bottega in bottega, e all’occhio distratto appaiono sempre gli stessi. Ma anche loro nella loro nicchia si evolvono, aggiornano il look e giocano al ribasso con consumi ed emissioni proprio come le automobili. Lo dimostra per ultimo il nuovo Volkswagen Crafter, già ordinabile ma in arrivo a partire da settembre, rilanciato con una rinnovata gamma motori, un frontale rinfrescato e piccoli ritocchi agli interni.

VISO GENTILE All’esterno le modifiche estetiche sono tutte concentrate nel frontale, rivisto all’insegna degli ultimi sviluppi del design di Casa e con lo scopo di rendere il muso del Volkswagen Crafter più simile a quello delle auto di Wolfsburg. Oltre a uno sviluppo ancor più marcatamente orizzontale della mascherina, tra calandra e paraurti è stato inserito un listello in tinta con la carrozzeria che di fatto sdoppia il frontale del Crafter, che prima formava un unico blocco.

NUOVA GENERAZIONE Altre piccole novità riguardano le cromature del logo, le tinte di verniciatura disponibili (ora giallo e bianco sono inserite nella lista di serie) e il layout della plancia (con ingresso dell’indicatore di cambiata). Restyling a parte, il nuovo Crafter ha soprattutto una nuova gamma di motori, nella quale i vecchi 2.5 TDI sono stati sostituiti da tre nuovi 2.0 turbodiesel common rail dai consumi e le emissioni più basse, declinati in tre differenti livelli di potenza: 109, 136 e 163 cavalli.      

IL PRESCELTO Tra questi, il ruolo di best seller dovrebbe spettare, secondo le previsioni della Casa stessa, al più potente dei tre, il 2.0 TDI da 163 cavalli BluEmotion che vanta anche una coppia massima di 400 Nm disponibile a partire da 1.800 giri. Questo motore, secondo quanto dichiarato da Vw, non emette più di 189 g/km di CO2 e riesce a limitare i consumi a 7,2 litri di gasolio ogni 100 km. Tutti e tre i turbodiesel possono contare sul dispositivo start&stop.

PREZZI Nella configurazione per il mercato italiano, il Crafter ha di serie l’ESP, indicatore di cambiata, airbag conducente, alzacristalli elettrici, porta laterale scorrevole, predisposizione radio, ruota di scorta, sedile doppio in cabina (lato passeggero) e l’interruttore per staccare la batteria. E’ disponibile in tre versioni: Furgone, Autotelaio (con 7 posti in configurazione 3+4, anche a doppia cabina) e Kombi. I prezzi (IVA esclusa) vanno dai 22.799 euro (prezzo d’attacco del Crafter Furgone) ai 23.252 del primo prezzo del Crafter Kombi, con il Crafter Autotelaio che si assesta dai 22.882 euro in su. Le versioni con il motore 2.0 da 163 cavalli costano rispettivamente (minimo) 25.124, 25.206 e 28.231 euro (prezzi iva esclusa).   


TAGS: nuovo volkswagen crafter