Autore:
Paolo Sardi

LE MISURE CONTANO Se in certi àmbiti le misure paiono non contare, ce ne sono altri in cui invece i numeri fanno la differenza, eccome. Tra questi ultimi c'è sicuramente la nicchia di mercato delle medie premium da sparo, in cui le Case si sfidano da tempo in una continua escalation delle potenze, ormai entrate nell'orbita dei 500 cv. Alla corsa al rialzo partecipa anche la Mercedes, che, in occasione del Salone di Ginevra, si accinge a mettere sul piatto la nuova C 63 AMG Edition 507, declinata in tre varianti di carrozzeria: coupé, berlina e station wagon.

TRAPIANTO RIUSCITO Come si può facilmente intuire, l'ultima cifra si riferisce al nuovo picco di potenza del motore V8 6.3 aspirato, che in questa ultima evoluzione benefica di un incremento di 50 cv tondi rispetto alla C 63 vulgaris. Il merito di questo salto va a un trapianto di organi dalla SLS, che porta sotto il cofano della Mercedes C63 AMG Edition 507 nuovi pistoni forgiati con relative bielle e un albero motore alleggerito. Anche la coppia cresce e, con incremento di 10 Nm, raggiunge il nuovo massimo di 610 Nm. Passando dal banco alla strada, ciò significa che questa versione è in grado di limare un po' di decimi nella prova 0-100: a seconda della carrozzeria, il cronometro si ferma dopo 4,2-4,3 secondi. La velocità massima è invece in tutti e tre i casi autolimitata a 280 km/h.

QUESTIONE DI DETTAGLI Con la Mercedes C63 AMG Edition 507 non è solo il piede destro ad avere la sua parte ma anche l'occhio. La nuova versione si riconosce infatti, tra le altre cose, per il cofano con due ampi squarci utili a placare i bollenti spiriti del motore identici a quelli presenti sulla Black Series, per i cerchi da 19" gommati 235/35 all'anteriore e 255/30 al posteriore, per le minigonne con stickers decorativi e per numerosi dettagli in nero laccato. Le prime consegne della Edition 507 sono previste per la metà dell'anno.

GUARDA IL VIDEO


TAGS: mercedes c63 amg edition 507