Autore:
Marco Rocca e Giulia Fermani

Doveva essere una pausa pranzo come tutte le altre (spesa a parte) invece è stato un tour de force. Lei, Giulia, ha bisogno di un passaggio per fare la spesa. Lui, Marco, accetta senza sapere a cosa sta andando incontro. L'altra, la Kia Soul EcoElectric, li ha accompagnati in giro per Milano (e provincia). Ecco come è andata una giornata di eco-shopping vista da due punti di vista differenti, quello di Marco e quello di Giulia.  

VISTA DA LUI
ANDAVA TUTTO BENE...
 Sono le 9:30 del mattino di un martedì di metà ottobre e nella redazione di MotorBox inizia una nuova giornata di lavoro. Tutto scorre tranquillo, insomma normale amministrazione tra vari pezzi da scrivere e comparative da discutere con i colleghi, fino a quando… non mi sento chiedere: “Marco, mi accompagneresti a fare la spesa?” Un brivido freddo mi percorre la schiena. Non faccio in tempo a girarmi che trovo Giulia, la mia collega, alle mie spalle e, come si suol dire, già con il fiato sul collo, che scalpita… “Allora, allora? Dai ci mettiamo solo un attimo, promesso!” Nella confusione del momento, mi scappa un “sì dai va bene, se è questione di pochi minuti”. Le ultime parole famose. Doveva essere una pausa pranzo come tutte le altre e invece…

L'ARMA SEGRETA Quasi certo che saremmo finiti per le vie del centro, prendo le chiavi delle Kia Soul EcoElectric visto che a Milano le auto a emissioni zero non pagano l’ingresso in Area C e si possono parcheggiare gratuitamente sia sulle strisce blu sia su quelle gialle. Eccezionale comodità, visto che temo mi toccherà saltare da un negozio all’altro per i capricci di Giulia, uff!

TACETE VE NE PREGO I chilometri in città scorrono via, i discorsi interminabili di Giulia su trucchi, unghie e chignon invece no. Fortuna che la Kia Soul EcoElectric viaggia silente come una barca a vela. Lo scatto al semaforo però è brillante come quello di una sportivetta e i 110 cavalli elettrici mi consentono di sgusciare nel traffico come un furetto.

UNA PROMESSA E' UNA PROMESSA Via Senato, Corso di Porta Romana, Porta Nuova e poi in circonvallazione, l’autonomia di circa 200 chilometri è ben lontana dall’esaurirsi ma ancora di questo benedetto supermarket nemmeno l’ombra. Non nascondo, però, che provo un certo piacere a guidare in città. Se non avete mai provato un’auto elettrica vi consiglio di farlo e poi capirete.

SENSO DELL'ORIENTAMENTO PARI A ZERO Alla fine, tra un’indicazione di Giulia e l’altra, mi ritrovo in autostrada direzione Genova. Affondo il piede e la Kia Soul EcoElectric schizza in avanti sino alla velocità codice, che goduria l’elettrico. “Ma si può sapere dove caspita è questo posto dove devi far la spesa?” “Tu vai ancora un po’, ora gira qui e prosegui sulla strada sterrata”. E fu così che ci ritrovammo in provincia di Pavia (Bereguardo per la precisione) alle cascine Orsine. Tra prodotti bio, e bietole appena raccolte, finalmente Giulia riempie le sue belle buste della spesa che ovviamente sarà il sottoscritto a dover caricare nel bagagliaio...

DOPO UNA GIORNATA IN GIRO Morale della favola? Non accompagnate le colleghe a far la spesa. Scherzi a parte, a fine giornata - perchè dopo tutto è andata una giornata - abbiamo percorso in giro per Milano (e provincia) circa 120 km con un'autonomia residua di 70 km. Non male, visto che abbiamo percorso anche un bel tratto autostradale oltre a essere rimasti nel traffico milanese per molte ore. La Kia Soul EcoElectric si è dimostrata una fedele alleata sfoderando un'autonomia di tutto rispetto. Senza contare che ha 5 posti, un bagagliaio da 280 litri (espandibili sino a 890) e misure compatte. A questo punto non rimane che armarsi di tanta santa pazienza...con le donne!

VISTA DA LEI 
ECO-SHOPPING
 Quando siamo partiti ero scettica all’idea di prendere un'auto elettrica, lo confesso. Forse perché sapevo che avremmo macinato parecchi chilometri, anche se mi sono ben guardata dal comunicarlo a Marco, altrimenti col cavolo che mi scarrozzava fino alle porte di Pavia! Non conoscendo l’autonomia della Kia Soul EcoElectric avevo paura che ci lasciasse a piedi. Invece l’autonomia dichiarata di circa 200 km si è rivelata veritiera. Con l’inganno mi sono fatta scorrazzare fino alle Cascine Orsine (Bereguardo, Provincia di Pavia) dove mi piace comprare prodotti bio. Lì ho fatto la spesa e ho potuto mettere alla prova la capacità del bagagliaio e la pazienza di Marco, che ha gentilmente caricato le buste della spesa.

LA PRIMA VOLTA Anche stavolta devo dire che la Soul mi ha piacevolmente sorpreso: ero convinta si trattasse di una vetturetta piccola con un bagagliaio inesistente, poco spazio interno, e invece no. Guidarla poi è stato uno spasso. Marco mi ha ripreso in un paio di occasioni perché stavo andando decisamente troppo forte (sfido chiunque a non affondare sull’acceleratore con una macchina così reattiva e maneggevole).

CHI FA DA SOUL... Alla fine tutto è andato meglio del previsto, Marco mi ha addirittura aiutato a fare la spesa. Credo che il contatto con la natura e i prodotti biologici gli abbia fatto bene, è un po’ stressato ultimamente mi chiedo quale possa essere il motivo visto che sono la sua vicina di scrivania e nessuno direbbe mai che sono una persona fastidiosa…no? Il viaggio è filato liscio come l’olio, sono persino riuscita a fermarmi per alcune commissioni (extra).

BIANCA CELESTE Se è vero che anche l’occhio vuole la sua parte, ho trovato scicchissime le cuciture azzurre dei sedili, che richiamano il bicolore della livrea. Oltre ai tanti dettagli di design che non potevano sfuggire all’occhio clinico di una donna, come il pomello del cambio (di un elegantissimo bianco perla) e i particolari altoparlanti in rilievo. Confesso di aver pasticciato tutto il giorno con il grande schermo centrale come una bambina nella cabina di pilotaggio di un aereo: è bello da vedere, intuitivo e ha molte funzioni, tra le quali il collegamento bluetooth per il cellulare, le mappe e il pannello di controllo che tiene costantemente aggiornati sullo stato di carica della batteria. La prossima volta che dovrò andar a fare la spesa spero di avere ancora a disposizione la Soul EcoElectric. Magari potrei andare già domani, non vedo l’ora di dirlo a Marco, sarà felicissimo! 

 


TAGS: kia soul prova su strada Kia Soul EcoElectric eco shopping prove auto 2015