Autore:
La Redazione

TEAM SATELLITE La storia del team Tech 3 iniziò nel lontano 1990 nella classe 250, ma fu solamente nel 1999 che diventò ufficialmente team satellite a supporto della Yamaha nel Motomondiale. Nel 2000 la squadra fondata da Hervé Poncharal corse con Olivier Jacque e Shinya Nakano, conquistando letteralmente il Campionato della quarto di litro. Nel 2001, invece, la squadra francese fece il grande passo in 500 con gli stessi piloti, ma la stagione fu tutt’altro che positiva. Con l’avvento della nuova classe MotoGP, il team Tech 3 proseguì il proprio impegno di nuovo con Jacque e Nakano, i quali, a differenza della squadra ufficiale, utilizzarono ancora la vecchia YZR 500 due tempi.

A SUPPORTO DEL TEAM UFFICIALE… Solo dal 2003 il team Tech 3 ha ricevuto le nuove YZR-M1 quattro tempi, portate in pista quell’anno da Alex Barros e dallo stoico Olivier Jacque. Al loro posto, nel 2004, arrivarono Norifumi Abe e Marco Melandri, mentre negli anni successivi si alternarono Ruben Xaus, Toni Elias, Carlos Checa, Makoto Tamada e Sylvain Guintoli. I risultati, in quelle stagioni, non furono eccezionali, mentre l’arrivo di Colin Edwards e James Toseland nel 2008 cambiò leggermente le carte in tavola. I due iniziarono a portare a casa delle ottime prestazioni, che continuarono con Ben Spies, Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso nei Campioinati successivi.

… OPPURE NO? In teoria il team Tech 3 avrebbe dovuto servire come bacino per la Yamaha a cui attingere a giovani talenti da inserire nel team interno, ma in realtà le prestazioni dei titolari del reparto corse francese hanno iniziato a mettere il sale sulla coda a quelle del reparto corse ufficiale. Basti pensare a quanto fatto in passato da Crutchlow e Dovizioso, oppure in tempi recenti da Johann Zarco, arruolato nel 2017 dopo aver vinto il Mondiale Moto2. Il francese è stato il Rookie of the Year della stagione, mostrando evidenti progressi per tutto il 2018, corso al fianco del malese Hafizh Syahrin, a causa del ritiro di Jonas Folger, affetto dalla Sindrome di Gilbert.

RIVOLUZIONE AUSTRIACA Al termine della stagione 2018 Tech 3 cambia tutto, e grazie all'accordo con la Red Bull e con la KTM, lo storico team francese di Hervé Poncharal diventa per il 2019 team satellite della casa austriaca, passando dalle Yamaha alle moto di Munderfing. Per fare questo salto è stato confermato com pilota titolare Hafizh Syahrin, e gli è stato affiancato il giovane portoghese Miguel Oliveira, secondo nel campionato Moto2 della passata stagione.

TEAM TECH 3 IN MOTOGP

Anno Moto Piloti Punti Pos. Vittorie
2002 Yamaha YZR 500 Olivier Jacque 149 0
  Yamaha YZR-M1 Shinya Nakano      
2003 Yamaha YZR-M1 Alex Barros 172 0
    Olivier Jacque      
2004 Yamaha YZR-M1 Norifumi Abe 149 0
    Marco Melandri      
2005 Yamaha YZR-M1 Rubén Xaus 130 0
    Toni Elías      
    David Checa      
2006 Yamaha YZR-M1 Carlos Checa 101 0
    James Ellison      
2007 Yamaha YZR-M1 Makoto Tamada 88 0
    Sylvain Guintoli      
2008 Yamaha YZR-M1 Colin Edwards 249 0
    James Toseland      
2009 Yamaha YZR-M1 Colin Edwards 253 0
    James Toseland      
2010 Yamaha YZR-M1 Colin Edwards 279 0
    Ben Spies      
2011 Yamaha YZR-M1 Colin Edwards 188 0
    Cal Crutchlow      
    Josh Hayes      
2012 Yamaha YZR-M1 Andrea Dovizioso 369 0
    Cal Crutchlow      
2013 Yamaha YZR-M1 Cal Crutchlow 304 0
    Bradley Smith      
2014 Yamaha YZR-M1 Bradley Smith 257 0
    Pol Espargaró      
2015 Yamaha YZR-M1 Pol Espargaró 295 0
    Bradley Smith      
2016 Yamaha YZR-M1 Bradley Smith 199 0
    Alex Lowes      
    Pol Espargaró      
2017 Yamaha YZR-M1 Johann Zarco 258 0
    Jonas Folger      
    Kohta Nozane      
    Broc Parkes      
    Michael van der Mark    
2018 Yamaha YZR-M1 Johann Zarco 204 0
    Hafizh Syahrin      

TAGS: ktm motogp KTM RC16 Hervé Poncharal miguel oliveira hafizh syahrin motogp 2019 team tech 3 Red Bull KTM Tech 3