Pubblicato il 01/03/2021 ore 01:21

CAMPIONE SUPERSTOCK 600 I suoi primi approcci con delle gare motociclistiche a livello internazionale sono avvenuti nel Campionato Europeo Superstock 600, nel quale ha debuttato nel 2011 correndo quattro gare in sella a una Yamaha YZF-R6. Ma gli sono bastate un paio di stagioni per prendere le misure ai suoi avversari, per poi metterseli dietro tutti nel 2013, quando è riuscito ad affermarsi come Campione Europeo di categoria a bordo della Kawasaki ZX-6R del San Carlo Team Italia. Questo è stato l’inizio di carriera di Franco Morbidelli, pilota romano che si preannuncia uno dei talenti più cristallini presenti nel panorama motociclistico italiano.

SUL TETTO DEL MONDO Grazie a questo risultato il “Morbido” è poi passato in Moto2, una classe in cui ha corso stabilmente dal 2014 grazie all’ingaggio nel team Italtrans Racing. I suoi miglioramenti sono avvenuti passo dopo passo, così come il suo primo podio, arrivato nel 2015 grazie al terzo posto durante il GP di Indianapolis. Tuttavia, è stato il passaggio sulla Kalex del team Marc VDS a permettergli di dare il meglio di sé: nel suo primo anno, il 2016, ha chiuso la stagione al quarto posto, mentre l’anno scorso ha dominato letteralmente il Campionato grazie ad otto vittorie che gli sono valsi 308 punti, sufficienti per mettere in bacheca il suo primo Titolo da Campione del Mondo.

LA SFIDA DELLA MOTOGP Il risultato del 2017 ha aperto per Frank le porte del mondo della MotoGP, nella quale ha esordito in sella alla Honda RC213V del team Marc VDS, conquistando il titolo di rookie of the year. Per la stagione successiva invece Morbidelli è passato al nuovissimo team Petronas Yamaha SRT, dove però ha patito la concorrenza diretta del nuovo fenomeno della MotoGP, il francesino Fabio Quartararo. ''Morbido'' ha comunque chiuso la stagione in decima posizione, con 115 punti e tanti buoni risultati, ma senza mai riuscire a sfiorare il podio (quattro volte è stato quinto).

LO STEP Il 2020 è stato l'anno del riscatto per Morbidelli, che è stato capace di lottare per un titolo mondiale che solo la sfortuna gli ha portato via, visto che alle tre convincenti vittorie e ai due podi, si sono aggiunti due ritiri su tre da incolpevole, senza i quali avrebbe avuto un numero di punti superiori a quelli che sono serviti a Mir per il titolo. Ma al di là di questo, che è fantamoto, conta il comunque ottimo piazzamento da vice-campione ma, soprattutto, lo step mentale fatto da Morbidelli, che nonostante la partenza fortissima del compagno, è emerso nel corso della stagione risultando spesso il più convincente dei quattro piloti Yamaha e vincendo la sfida interna con Quartararo, pur disponendo di una moto meno aggiornata di quella del francese. Nel 2021 la sfida sarà doppia, visto che avrà ancora una moto non ufficiale rispetto al nuovo compagno e suo mentore, Valentino Rossi, che invece ha firmato per avere una moto più aggiornata.

I SOCIAL NETWORK DI FRANCO MORBIDELLI

Twitter  Facebook  Instagram

Franco Morbidelli (Yamaha)

LA SCHEDA E I NUMERI DI FRANCO MORBIDELLI

Data di nascita: 4 dicembre 1994
Luogo di nascita: Roma (Italia)
Altezza: 176 cm
Peso forma: 64 kg

  MotoGP Moto2 All
Primo Gran Premio 2018 - QAT 2013 - RSM  
Prima pole position 2020 - CAT 2017 - QAT  
Primo giro veloce in gara 2020 - TER 2015 - GER  
Primo podio 2020 - CZE 2015 - INP  
Prima vittoria 2020 - RSM 2017 - QAT  
Vittorie 3 8 8
2ª posizione 1 5 5
3ª posizione 1 8 8
Podi 5 21 21
Poles 2 6 6
Giro veloce in gara 1 13 13
Campionati del mondo vinti 0 1 1

LE STATISTICHE ANNO PER ANNO DI FRANCO MORBIDELLI*

Stagione Categoria Partenze Tot. Poles Moto Punti Pos.
2020 MotoGP 14 3 1 1 5 2 Yamaha 158 2
2019 MotoGP 19 0 0 0 0 0 Yamaha 115 10
2018 MotoGP 16 0 0 0 0 0 Honda 50 15
2017 Moto2 18 8 1 3 12 6 Kalex 308 1
2016 Moto2 18 0 4 4 8 0 Kalex 213 4
2015 Moto2 14 0 0 1 1 0 Kalex 90 10
2014 Moto2 18 0 0 0 0 0 Kalex 75 11
2013 Moto2 3 0 0 0 0 0 Suter 0 31

*Aggiornate al Campionato del Mondo 2020


TAGS: yamaha franco morbidelli MotoGP 2021 Piloti MotoGP 2021