Autore:
Giulio Scrinzi

IL SIC SEI ANNI DOPO Sono già passati sei anni da quando Marco Simoncelli se ne è andato. Sei anni in cui manca nel paddock del Motomondiale un pilota che stava per fare il salto decisivo per diventare un vero Campione delle due ruote. Invece, il 23 ottobre 2011, il Sic è rimasto vittima di quello spaventoso incidente sul circuito di Sepang, dove ha perso il controllo della sua Honda e, pur di tenerla in pista, è stato investito da Colin Edwards e da Valentino Rossi.

I PRIMI ANNI Ripercorrendo la sua storia agonistica, Marco Simoncelli ha fatto capolino nel Motomondiale nel lontano 2002, dopo essere diventato Campione Europeo della classe 125. Il suo esordio è avvenuto a Brno, nel Gran Premio della Repubblica Ceca con l'Aprilia ottavo di litro del team CWF – Matteoni Racing. Quell'anno portò a casa solamente tre punti, ma questo convinse il team manager Massimo Matteoni a confermarlo per la stagione successiva.

PRIMI SUCCESSI Nel 2004 arrivò la sua prima vittoria iridata sul circuito di Jerez de la Frontera, mentre l'anno successivo trionfò addirittura nella prima gara della stagione, centrando in seguito anche una medaglia d'argento e quattro terzi posti. Nel 2006 ci fu il passaggio di categoria dalla 125 alla 250 con la Gilera, sulla quale rimase fino al 2009.

CAMPIONE DEL MONDO Ma fu il 2008 il suo anno migliore: grazie a sei vittorie ed altrettanti piazzamenti a podio, il Sic arrivò sul tetto del mondo, centrando il suo primo (e unico) Titolo Mondiale in carriera. Fu meno fortunato l'anno successivo, nel quale rimase sempre in 250 per difendere l'alloro appena conquistato ma terminando la stagione solamente in terza posizione.

FINALMENTE IN MOTOGP Nel 2009 ci fu anche la sua apparizione nel Mondiale Superbike al fianco di Max Biaggi nel team Aprilia ufficiale, per la precisione sul circuito di Imola dove chiuse Gara 2 sul gradino più basso del podio. L'anno seguente, però, arrivò il momento tanto atteso: l'approdo in MotoGP sulla Honda RC212V del team Gresini. Grazie al suo stile di guida, al suo modo di fare e alla sua voglia di vincere si mise subito in luce, ottenendo nella prima stagione come miglior risultato un quarto posto all'Estoril. Le premesse per arrivare al vertice c'erano tutte e il 2011 doveva essere l'anno buono... invece a Sepang, poco prima del termine della stagione, il destino se l'è portato via.

IL RICORDO DI GUIDO MEDA Nonostante siano passati sei anni dalla sua scomparsa, Marco è rimasto nella memoria di tutti gli appassionati. In particolare di Guido Meda, storico commentatore del Motomondiale che ha voluto raccontare, per l'occasione, un aneddoto divertente che fa capire quanto grande fosse la sua gioia di vivere.Sono già sei anni. Il ricordo più bello del Sic risale al 2008, quando vinse il Mondiale 250 e improvvisò una festa che finì in caciara. Iniziai io rovesciando una brocca d'acqua in testa a Marco. Continuò Alberto Porta che con un cubetto di ghiaccio fece canestro nel decolltè di una signora. Ricominciò Marco alzando il livello e ingaggiando una battaglia a uova. Il locale era pieno di amici, meccanici, giornalisti. Erano tutti felici”.


TAGS: motogp marco simoncelli motogp 2017 marco simoncelli 2017 marco simoncelli anniversario marco simoncelli 2011 marco simoncelli incidente