News

Honda CBR 600 RR


Avatar Redazionale , il 01/08/08

13 anni fa -

PRO: leggerezza, agilità, facilità di guida CONTRO: assenza antisaltellamento, troppo freno motore.


FACILE
Anche se ormai si sta già quasi aspettando l'arrivo di una nuova versione, l'Hondina dice sempre la sua. Tra le 600 è quella più immediata, la più facile di tutte, quella con cui viene si ha meno difficoltà ad avvicinarsi al limite, così silenziosa e precisina da sembrare asettica, insomma tipicamente Honda. Bilanciata e leggera è di sicuro il miglior compromesso tra facilità di guida e sportività. Il suo quattro cilindri non è il più potente ed è quello che in assoluto allunga meno di tutti.

FORTE IN MEZZO Ma è ai medi che la CBR fa la differenza. Quando la lancetta del contagiri staziona a metà della scala, la Honda mostra il suo lato migliore e nelle ripartenze imposte dal circuito di Franciacorta, complice anche la leggerezza, riesce ad essere la più incisiva, solo la Suzuki, forte di un un motore davvero eccellente ai medi (ma pesa di più) non si stacca dal suo codino. La pienezza di erogazione, quindi era ed è ancora il suo punto di forza. La compattezza generale la rende invincibile nei cambi di direzione, dove le altre possono solo inseguire.


TANTO TIRO, TANTO FRENO
In compenso il tiro del motore equivale ad un altrettanto incisivo freno motore che si fa sentire in percorrenza di curva, dove la moto tende sempre a "piantarsi" e a scorrere poco. Lo stesso avviene in fase di staccata, quando il freno motore troppo consistente impedisce al pilota di sfruttare la potenza dell'impianto anteriore che potrebbe essere ancor più efficace.

SALTELLA
Invece,forzando la staccata la Honda si acquatta troppo sulla forcella, e innesca troppi saltellamenti al posteriore che sporcano la fase di frenata. È davvero l'unico punto debole della CBR, se con la prossima versione, come è facile ipotizzare arriverà anche la frizione antisaltellamento saranno guai per tutti.


Pubblicato da Redazione, 01/08/2008
Gallery
Logo MotorBox