News

Ducati Hypermotard


Avatar Redazionale , il 01/12/08

12 anni fa -

Cosa ci è piaciuto: design, motore Cosa non ci è piaciuto: posizione in sella, anteriore poco comunicativo Prezzo: 11.500,00 Euro


DALLO STAND ALLA STRADA
La Hypemotard è il classico esempio di sogno diventato realtà, Il sogno era quello del prototipo nato nel 2005 e presentato all'Eicma, la realtà è la moto che potete tutti comprare nei Ducati Store. Prima di tutto la Hyper è un fantastico oggetto di design, una moto che sembra presa direttamente dallo stand di un salone: bella da morire e anche molto curata è una moto soddisfa al massimo l'edonismo del proprietario soprattutto quello che ama esibirla nei luoghi di tendenza.

LA PIU' VENDUTA Infatti, non è un caso, questa è una delle moto di moda. Di Hyper se ne stanno vendendo tante (quasi 2000 pezzi da gennaio ad ottobre, quattrodicesima moto più venduta in assoluto e tra le Ducati seconda solo alla Monster 696).


DESMODUE Il Desmodue da 1100 cc è un motore perfetto per questo genere di moto
, ha un carattere "ruspante" è sempre pronto e vibra anche poco. Non allunga molto ma ha coppia da vendere e quello che dà sotto compensa quello che manca in alto. Un'erogazione piena e corposa a tutti i regimi che ben si sposa con la filosofia della moto. Ad ogni apertura del gas corrisponde una spinta prepotente (anche troppo per qualcuno che non ama molto l'apri chiudi) che trasforma la Hyper in una vera moto da stunt, con cui è difficile tenere entrambe le ruote contemporaneamente attaccate a terra.

STRANA DA SOPRA Insomma la Hyper ha un motore gasante, ma è anche una moto con cui è piuttosto difficile prendere il giusto feeling sulle curve. Perché sotto un design incredibile c'è una moto strana. La posizione di guida piuttosto anomala con un manubrio vicino al busto ma anche molto basso, pedane piuttosto basse e arretrate e una seduta molto avanzata.


FORCELLA IN PIEDI
Un mix, questo, che non favorisce l'instaurarsi di un rapporto di fiducia tra il pilota e la ruota anteriore. La forcella è molto "in piedi" (solo 24°, Aprilia è a 26°, KTM a 24° 9', BMW 28°6') oltretutto tarata sul rigido (toglierei gran parte dei freni idraulici per guadagnare scorrevolezza e feeling) rende l'avantreno della Hyper ben poco comunicativo. Inoltre, tra tutte, la Hyper è anche quella con meno angolo di sterzo, siamo quasi a livelli da sportiva e questo in città si fa sentire...

FACCIAMO AMICIZIA? Soprattutto una volta scesi dalle altre nel classico "balletto" che si fa durante i confronti si scopre che la Ducati è la moto meno intuitiva e facile del lotto, si ha sempre la sensazione che la ruota anteriore "prenda sotto" il che non è molto rassicurante, soprattutto se si guida la moto con lo stile tipico del motard.

VUOLE DECISIONE Guidandola come una supersportiva, con il corpo fuori quindi ed entrando in curva con molta decisione, la situazione migliora e se la velocità sale la Hyper si scopre anche efficace, il problema è che non si può mica sempre andare in giro guidando come Bayliss...


Pubblicato da Redazione, 01/12/2008
Gallery
Logo MotorBox