Autore:
Stefano Cordara
Pubblicato il 13/10/2006 ore 08:00


IL PANCIONE
Look neo retrò, design squadrato, tanto spazio per passeggeri e bagagli. Queste le carte che butta sul piatto il Giggle, un nuovo scooter 50 cc che Yamaha ha portato a Colonia. Un piccolino con una pancia grande così, se è vero che sotto la sua lunga sella (ribaltabile lateralmente e alta solo 747 mm da terra) trova posto un vano degno di uno scooterone: ben 33 litri di capacità.

Il Giggle prova quindi a smuovere il mercato dei 50ini che pur in crisi vale sempre 100.000 unità l'anno, pezzo più pezzo meno.

TANTO DESIGN Uno scooterino che, come l'Honda Zoomer punta forte sulla caratterizzazione estetica e sulla tecnologia. Il piccolo cuore a quattro tempi (Giggle è il primo scooter Yamaha con motore 4T) è, infatti, un concentrato di soluzioni avanzate. Il raffreddamento ad aria forzata lascerebbe supporre una certa semplicità, in realtà troviamo una testa a tre valvole (due di aspirazione e una di scarico) ed una alimentazione ad iniezione elettronica studiata da Mikuni appositamente per le piccole cilindrate.


POCHE PRETESE
Non bastasse, ci sono anche due catalizzatori che abbattono le emissioni a livelli di molto inferiori a quelli già severi imposti dalla Euro 3. Un motore modernissimo progettato non solo per bere e inquinare poco ma anche per ridurre al minimo indispensabile la manutenzione. Insomma il Giggle dovrebbe essere il classico mezzo che "accendi e vai" senza troppi pensieri.

TAMBURI D'ANTAN Dello stile classico del Giggle fanno parte anche il manubrio cromato in stile motociclistico, il grosso faro tondo piazzato sul parafango anteriore e i due tamburi da 110 mm, certo adatti a frenare lo scooter lanciato alla velocità codice, ma forse un po' anacronistici, un disco anteriore credo comunque ci sarebbe stato bene. Arriverà in Italia? La risposta è sì.


TAGS: yamaha giggle 50 speciale eicma 2006 speciale scooter 2007