Superbike

Yamaha abbandona la Superbike


Avatar Redazionale , il 01/08/11

10 anni fa - La Casa di Iwata non correrà più ufficialmente nel mondiale Superbike

Uno scarno comunicato ufficiale annuncia l’abbandono da parte della casa di Iwata del mondiale SBK. Continuerà a produrre i kit per i team privati. Quale futuro per Marco Melandri?

YAMAHA MOLLA Melandri ha firmato da poco il nuovo contratto e, nonostante tutto, è ancora in lizza per il titolo mondiale. Ma Yamaha molla il colpo. Finita la stagione 2011 la Casa di Iwata (o meglio la sua filiale europea) non parteciperà più ufficialmente al campionato mondiale per moto derivate di serie. La notizia non è meno scioccante di quella data dalla Ducati l’anno scorso, la Yamaha è una della Case che ha sempre creduto fortemente nel mondiale delle derivate di serie. Ma del resto la crisi non perdona e Yamaha quest’anno sta correndo due campionati mondiali senza sponsor affrontando quindi una spesa enorme per nulla supportata dalle vendite che invece calano in maniera preoccupante.

DI DUE NE SALTA UNO Logico che dovendone sacrificare uno per l’anno prossimo questo sia la Superbike. Lentamente ma inesorabilmente si va delineando una situazione piuttosto chiara. In un futuro non molto lontano potremmo avere ancora due campionati mondiali ma dua campionati molto differenti tra loro: la MotoGP sarà il campionato delle Case, quello dove i vari costruttori si impegneranno ufficialmente, la Superbike sarà il campionato dei team e si correrà con moto “clienti”. La tanto criticata Ducati, quindi, ha fatto scuola. Niente impegno ufficiale per lei, ma supporto ai team che vorranno correre in mondiale, e a quanto pare nemmeno l’arrivo della nuova Extreme sembra aver fatto cambiare idea agli uomini di Borgo Panigale che hanno confermato di non voler partecipare ufficialmente nemmeno l’anno prossimo. Del resto, guadagnano molto di più da questa situazione che da quella precedente. Provate a immaginare: quest’anno Ducati fornisce moto e assistenza all’Althea (che paga) e probabilmente vincerà il mondiale. Riuscite a trovare una condizione migliore?

SEMPRE MENO UFFICIALI Insomma anche la Yamaha molla, dopo Honda (non è ufficiale da tempo, il Team Ten Kate è solo supportato) Suzuki (vedi sopra con il team Alstare anche lui in aria di ritiro) e Ducati. Una vera diaspora sta interessando il campionato che solo due anni fa poteva vantarsi di avere tra i partecipanti sette case ufficiali. Nello scarno comunicato rilasciato da Yamaha sul suo sito ufficiale non è dato sapere il destino di Melandri e di Laverty.

MELANDRI DOVE VA? Macio ha però appena rinnovato il contratto con la Casa di Iwata e dubitiamo che pochi giorni fa questa decisione non fosse già stata presa. L’ipotesi più probabile, quindi, è che pur ritirando il team ufficiale, la Yamaha intenda fornire (vendere?) le moto a una struttura esterna (come nel caso di Ducati-Althea), in questo caso potrebbe essere benissimo il team Parkingo, attualmente in testa al mondiale Supersport e in aria di Superbike. Ovviamente stiamo facendo fantamercato, e solo nelle prossime settimane potremo capire la reale situazione. Certo è che non si può dire che Melandri sia molto fortunato: dopo l’abbandono della Kawasaki in MotoGP adesso deve subire anche quello della Yamaha.  La Superbike che ultimamente ha gonfiato il petto con le sue sette case ufficiali, ora deve prestare molta attenzione… l’aria si è fatta piuttosto pesante.

Questo il comunicato ufficiale della Yamaha che riportiamo in inglese per non alterarne il significato originale.

Yamaha Official World Superbike Team withdraws at the end of 2011 season from World Championship

Yamaha Motor Europe N.V. (YME) has decided to withdraw their official Yamaha World Superbike Team at the end of the current season from the FIM Superbike World Championship.

This announcement follows a full strategic review of the Marketing Operations within Europe including all Motorsport activities and takes into account the continuing severe and rapidly changing Powered Two Wheeler market conditions throughout the region.

Due to this decision more resource and focus will now be used for direct “Customer“ activities to ultimately add more value to Yamaha ownership and increased Customer Satisfaction

YME would like to express their sincere thanks and appreciation for the total commitment, support, and passion shown by the extremely professional and dedicated riders and team members both past and present throughout the many years of participation in the FIM Superbike World Championship. YME would also like to thank all the highly valued business partners and suppliers who have in-turn supported the team and in addition would like to thank Infront Motorsports, the FIM Superbike World Championship promoters. YME has chosen this timing of announcement to ensure that all existing obligations are correctly met, and to not limit any opportunities or future planning for all personnel involved

Riders Marco Melandri and Eugene Laverty are currently respectively 3rd and 4th in the overall 2011 FIM Superbike World Championship standings for riders with 4 rounds to go. YME and the team will continue to give its maximum efforts until the end of the existing season to try and regain the World Superbike title which Yamaha also won in 2009.

Yamaha will continue the availability of road racing kit parts, known as YEC Racing kit parts, for its R1 and R6 production models for private teams entering at all racing levels.


Pubblicato da Stefano Cordara, 01/08/2011
Gallery
Logo MotorBox