MAXI ENDURO DI UNA VOLTA Amanti delle endurone anni ’90, quelle analogiche, con telai robusti e motori inarrestabili, che vi facevano fare le ore piccole durante le repliche passate in TV a guardare le gesta dei piloti sulle dune africane della Parigi-Dakar. Guardate le immagini di questa riedizione della Yamaha XTZ Super Ténéré 750 realizzata dal preparatore Saldarriaga Mastech: una piccola/grande opera d’arte per non lasciarvi soli e abbandonati nell’universo dell’elettronica e della guida due-punto-zero. Quella dell’era digitale, dove le prestazioni di una maxi adventure passano attraverso i chip di una centralina elettronica e non un cavo d’acciaio (quello dell’acceleratore…). Fra i numerosi preparatori e i pochi… maestri della preparazione, fa parte di questa seconda categoria la factory fondata dal pilota di rally raid colombiano Marco Antonio Saldarriaga e specializzata in ricambi aftermarket per le maxi enduro più moderne che si è già cimentata nella riedizione di motociclette del passato. Nel caso della XTZ 750, tuttavia, il risultato è davvero ben riuscito, giocando sul look vintage della bicilindrica giapponese, aggiungendo componenti moderni per “teletrasportarla” nel 21° secolo.

Yamaha Super Ténéré 750 by Saldarriaga: dal 1991 a oggi in perfetta forma

LOOK VINTAGE COMPONENTI MODERNI Ma guardiamola insieme questa splendida instant classic col tassello, che deriva da un esemplare del 1991 e che ha preso il nome di T 7.5 Project. Innanzitutto, Saldarriaga ha dato alla carenatura un volto nuovo aggiungendo elementi moderni come i nuovi fari rotondi con tecnica a LED. Tra le altre cose, ha anche aggiunto paramani e parafanghi in fibra di carbonio e un nuovo manubrio. La moto appare sia nuova sia vintage allo stesso tempo anche grazie alla bellissima livrea bianca con fregi in colore bronzo e grigio. Anche la piastra paramotore è stata rifatta con un elemento in lega leggera più protettivo ed esteticamente più bello. Dietro il parabrezza, troviamo adesso un quadro strumenti con un nuovo cruscotto con indicatori analogici e digitali. Quando Saldarriaga ha ricevuto la moto, il suo motore bicilindrico di 750 cc. era già stato messo a punto.

Yamaha Super Ténéré 750 by Saldarriaga: il biclilindrico di 750 cc rimesso a nuovo 

LAVORO DI FINO È intervenuto su carburatori, impianto elettrico e ha modificato il sistema di scarico con un impianto completo della Arrow. Ha anche aggiornato le sospensioni con una forcella e un ammortizzatore Öhlins e ha sostituito la ruota anteriore con un’altra presa direttamente da una KTM 450 Rally con cui ha corso una Parigi-Dakar nel 2014. I freni Brembo, con disco anteriore da 300 mm, arrivano invece da una KTM 690 Enduro. Il risultato finale è una motocicletta dallo stile senza tempo e ancora perfettamente guidabile grazie alla messa a punto meccanica. Il risultato, probabilmente, farà venire il magone agli appassionati ma anche la voglia di provarla e, chissà, comprarla grazie al suo fascino vintage con un tocco moderno. Resta solo una cosa da chiedere: numero di telefono o indirizzo di Saldarriaga Mastech?


TAGS: yamaha yamaha supertenere saldarriaga mastech super tenere saldarriaga yamaha xtz 750 saldarriaga yamaha saldarriaga prototipo