News

Ducati Dream Tour


Avatar Redazionale , il 22/03/12

9 anni fa - Tre giorni tra Bologna e l'Appennino, con visita al Museo Ducati

Ducati raddoppia l'offerta delle sue proposte dedicate al turismo. Alle Ducati Travel Experience si affianca il Dream Tour: tre giorni tra Bologna e l'Appennino, con visita al Museo Ducati. Tutto in sella alle moto di Borgo Panigale, naturalmente.

Ducati ha già una sua proposta viaggi, si chiama Ducati Travel Experience e porta le rosse di Borgo Panigale in giro per i 5 continenti. Ma per chi volesse vivere un'esperienza più "nostrana" arriva adesso una nuova proposta Terra dei motori, l'Emilia.

Rispetto ai viaggi Ducati Travel Experience, il Ducati Dream Tour permette di concentrare in pochi giorni, quelli di un week-end lungo, tutte le esperienze sotto il segno delle moto di Borgo Panigale.

Il programma in effetti consente di accedere a ogni sfaccettatura del mondo Ducati. I partecipanti si troveranno il venerdì direttamente allo stabilimento Ducati: registrazione, pranzo e poi visita alla fabbrica e al Museo, che ospita tutti i modelli che hanno fatto la storia dell'azienda bolognese. Base logistica di tutto il tour l'hotel "Monte del Re" di Dozza.

Sabato si inizia a guidare. Gli iscritti potranno scegliere tra le moto messe a disposizione per il tour: Hypermotard 796, Monster 1100EVO ,  Diavel e Multistrada 1200 Touring. Destinazione Futa, lungo una delle strade più amate dai motociclisti. La tappa del sabato è di circa 270 chilometri, intervallati dal pranzo in un apprezzato agriturismo della zona.

Domenica, terzo e ultimo giorno di tour: dopo un tratto facile, quasi di riscaldamento, si affronta il tratto tutto curve che conduce a Fanano, con pranzo in un ristorante tipico dell'Appennino. Per le 16 è previsto il rientro allo stabilimento Ducati, per riconsegnare le moto e congedarsi, dopo tre giorni senza dubbio indimenticabili.

Tutte le informazioni su prezzi e  modalità di prenotazione al link: http://www.ducati.it/ducati_travel/ducati_dream_tour.do


Pubblicato da Andrea Gatti, 22/03/2012
Logo MotorBox