Anteprima

Suzuki Burgman 400 Type S


Avatar Redazionale , il 10/12/04

16 anni fa - Il Burgman con i pruriti sportivi

Zitta, zitta, Suzuki si presenta a fine anno con due piccoli doni per chi a Natale e Capodanno farà il bravo scooterista. A fare festa sono il Burgman 400, che nel prossimo anno arriverà in versione "sportiva", e l'ammiraglia seiemezzo, che punterà ancora di più sul comfort di marcia.


Il Burgman 400 è uno scooter troppo "borghese"? No problem, Suzuki "copia" l'operazione Forza della Honda e importa in Italia la versione sportiveggiante del suo Burgman 400 che si fregia della sigla "Type S". Manubrio spogliato dalle plastiche e cromato con tanto di riser in bella vista, cerchi neri, frecce trasparenti invece che arancioni, cupolino fumé bello corto e uno spoiler in allumino al posto del poggia-schiena per passeggero sono le vere novità del "T-S" 400, che nella sostanza non porta con sé nessun affinamento tecnico né ciclistico.


A pulsare sotto le plastiche nere o blu (sono le due colorazioni disponibili) c'è il monocilindrico di 385 cc di sempre, a iniezione elettronica con distribuzione a quattro valvole e 32 cv / 7500 giri (32 Nm/6000) in regola con la Euro-2 ancorato con funzione di forcellone oscillante al telaio a traliccio.


La forcella ha sempre gli steli di 41 mm e il monoammortizzatore posizionato orizzontalmente lavora con tanto di sistema di leveraggi progressivi di tipo motociclistico mentre, per quanto riguarda la sicurezza, si conferma la frenata di tipo combinata. Sempre da 13 lt il serbatoio, così come rimane invariato lo spazio a disposizione sotto la sella di ben 55 litri, da sommare ad altri 10 nei vani dietro lo scudo.


Estetiche (ma non solo) anche le novità per il più grande dei Burgman. L'Executive 650 nel 2005 diventa ancora più "esclusivo" (e aggiunge altri tasti al già ben fornito manubrio): arrivano la comoda regolazione elettrica del parabrezza, l'immobilizer di serie, la più elegante copertura trasparente delle frecce, vani portaoggetti ridisegnati e le funzioni aggiunte di termometro, indicatore del consumo carburante e indicatore dell'immobilizer nel pannello degli strumenti.

Più interessanti gli aggiornamenti tecnici al motore. La frizione è stata rivista per ridurre l'attrito del 30% mentre il cambio nella modalità "manuale" (cioè gestito tramite i pulsanti sul blocchetto di sinistra del manubrio) è arricchito dal comodo rapporto automobilistico "over-drive".


Pubblicato da Alfredo Verdicchio, 10/12/2004
Logo MotorBox