Anteprima:

Yamaha Majesty 400 2009


Avatar Redazionale , il 03/11/08

12 anni fa - Restyling d'autore per il 400 Yamaha

Dopo quattro anni di vita lo scooterone Yamaha cambia completamente faccia ma non stravolge i contenuti.


FISICO SCOLPITO
Il Majesty cambia faccia, ma non sarà come il nuovo 250 presentato in Giappone e di cui vi avevamo mostrato le immagini qualche tempo fa. Per la versione Europea Yamaha si è rivolta allo stesso designer dalla mano felice che ha già tratteggiato la linea del nuovo Tmax. Il nuovo Majesty. Quindi, pur proponendo lo stesso family feeling dei maxi scooter che lo hanno preceduto si presenta con un look più moderno e filante. L'immancabile colore bianco, ormai il trend del momento, accompagna l'arrivo di un nuovo frontale caratterizzato dall'inedito faro "a farfalla" che dona al Majesty un aspetto più slanciato e sportivo.

IL DIETRO SI SLANCIA Il gran lavoro di design è comunque stato fatto nel posteriore, il "sederone" del 400 Yamaha appare ben più snello che in precedenza grazie a nuove linee che ne disegnano il profilo, questo nonostante non si sia perso nemmeno un litro del ciclopico vano sottosella che da sempre caratterizza questo scooter. La novità è l'arrivo di un gruppo ottico posteriore a led, tecnologia che fa il suo debutto su uno scooter Yamaha, che ha un effetto davvero molto scenografico. Inoltre arrivano anche le leve dei freni regolabili nella distanza. Sovrastrutture a parte il maxi Yamaha ha ricevuto anche qualche piccolo aggiornamento a livello di tecnica.


STESSA TECNICA
Confermati sia il motore sia la ciclistica con telaio di alluminio, ma il monocilindrico da 395 cc riceve (guardacaso) una nuova frizione, che dovrebbe migliorare il comportamento nella guida stop and go tipica del traffico urbano. Invariate le sospensioni con la forcella da 41 mm e il doppio ammortizzatore posteriore, e i freni (triplo disco da 267 mm) in compenso debutta anche la versione con ABS.


Pubblicato da Stefano Cordara, 03/11/2008
Gallery
Logo MotorBox