Pubblicato il 18/03/2020 ore 15:45

MEZZI ANTI-CONTAGIO Gli appelli alla TV, sui social media, alle radio e su ogni mezzo d’informazione parlano chiaro: bisogna stare a casa per arginare il contagio da Covid-19. Come ben sappiamo, però, c’è ancora chi deve recarsi sul posto di lavoro e per farlo utilizza mezzi pubblici o privati. Secondo ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) il metodo più sicuro per evitare il contagio sono moto, scooter e biciclette, rigorosamente da utilizzare senza trasportare passeggeri.anche la bicicletta non è esente da rischi

IL PERCHÈ DI ANCMA Secondo ANCMA i veicoli a due ruote sono la soluzione ideale per evitare luoghi ad alto rischio di contagio come treni, metrò, autobus e tram, che se affollati difficilmente permettono di mantenere la distanza interpersonale di un metro e più consigliata dal Decreto Conte. A incentivarne l’utilizzo, secondo l’associazione, ci sarebbero le strade semi deserte e meno pericolose del solito e la possibilità di ottenere ancora assistenza meccanica in caso di necessità grazie all’apertura delle officine meccaniche, esentate dalla chiusura obbligatoria dopo il giro di vite del primo decreto ministeriale.

MEGLIO EVITARE Il consiglio di ANCMA, pur condivisibile, è da prendere con le pinze, almeno per chi vi scrive. Sarà pur vero che le strade sono semi-deserte e che le officine ci possono dare comunque assistenza tecnica in caso di emergenza, ma così non è per le strutture ospedaliere. Gli automobilisti saranno anche di meno ma non lo sono certo le distrazioni solite che ben conosciamo, cellulare su tutte. Senza contare che il rischio di incidente è intrinseco quando si viaggia in equilibrio su due ruote. Il nostro consiglio è sempre di lasciare la moto in garage, per la nostra salute e per senso civico!


TAGS: scooter moto ancma Coronavirus CoViD-19 decreto ministeriale moto